Esplosione al Museo di Scienze Naturali: tre indagati

Tre dirigenti sotto accusa per lo scoppio avvenuto il 3 agosto scorso. Guariniello sta procedendo per disastro colposo

Sotto accusa per lo scoppio della bombola del gas al Museo di Scienze Naturali: ad essere indagati dalla Procura di Torino sono un direttore generale della Regione Piemonte, assieme a due dirigenti tecnici.

Il pm Raffaele Guariniello ha iscritto i loro nomi nei registri degli indagati per i fatti avvenuti il 3 agosto scorso: il direttore generale è accusato di aver violato le norme sulla sicurezza, mentre i due dirigenti tecnici non avrebbero ascoltato le segnalazioni della ditta di manutenzione, che aveva avvertito circa la necessità di far rivedere l'impianto.

Lo sviluppo dell'indagine è dovuto a un rapporto trasmesso in procura dai vigili del fuoco, che hanno individuato delle violazioni alle norme sulla sicurezza sul lavoro: gli impianti anticendio, secondo la loro relazione, da anni non venivano revisionati. Il pm Raffaele Guariniello sta dunque procedendo per disastro colposo.

Potrebbe interessarti

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

  • Il Barbecue perfetto:  6 regole fondamentali

  • Bagnet verd, la tipica salsa piemontese: assaggiatela coi tumin

  • Come combattere la piaga dei punti neri

I più letti della settimana

  • Autocisterna travolge bici, ragazza resta schiacciata sotto le ruote: morta

  • Scendono a cambiare la gomma a terra, passa un'auto e li travolge: due morti e un ferito

  • Tragedia nella notte: ucciso un uomo dopo un violento litigio

  • Addio a Sabino, una roccia sul ring e un papà dolcissimo

  • Caos in coda al concerto di Eros: 700 fan costretti a rimanere fuori

  • Accende il gas per preparare il caffé e la cucina esplode: ustionata una torinese

Torna su
TorinoToday è in caricamento