Prova a corrompere i poliziotti con carne di cinghiale: denunciato

Un cacciatore 64enne di Rivoli aveva promesso carne di cinghiale ad alcuni poliziotti per velocizzare le pratiche per il rinnovo della licenza di caccia e del porto d'armi. Scatta la denuncia

Non soldi ma gustosa carne di cinghiale per corrompere i poliziotti. E' successo a Rivoli, in provincia di Torino, la scorsa primavera, tra marzo e aprile, ma se n'è avuta notizia soltanto adesso. Un cacciatore di 64 anni, D.C., residente a Rivoli ha cercato di corrompere gli agenti di polizia promettendo loro della carne di cinghiale per velocizzare le sue pratiche per il rinnovo della licenza di caccia e del porto d'armi. Inevitabilmente è scatta la denuncia. Il pubblico ministero contesta al 64 enne il reato di tentata corruzione di pubblici ufficiali. I fatti ebbero luogo proprio all'interno della stazione di polizia. In passato D.C. era finito nei guai per caccia abusiva, sempre di cinghiali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di Coronavirus a Torino: un quarantenne che è stato in contatto con i casi in Lombardia

  • Contagio Coronavirus, i casi a Torino adesso sono tre

  • Emergenza Coronavirus: chiuse due aziende e le scuole, montate tende da campo davanti agli ospedali

  • Tragedia nell'area servizio: automobilista si sente male e accosta, ma i soccorritori non riescono a salvarlo

  • Lotto, centrate due quaterne nello stesso paese: valgono 240mila euro

  • Paziente si lancia dalla finestra dell'ospedale: è gravissimo

Torna su
TorinoToday è in caricamento