Corso Emilia, il portico torna nelle mani dei senzatetto

Nonostante una prima denuncia le arcate continuano ad ospitare di notte donne e bambini. Le persone arrivano al tardo pomeriggio e levano le tende solo il mattino dopo

Da punto a capo. Nonostante la pulizia dei muri e la rimozione dei rifiuti i disperati sono tornati a riappropriarsi di un piccolo pezzetto di borgo Aurora. Le foto, anche se non molto nitide, scattate dai residenti immortalano il porticato di corso Emilia preda dei clochard.

Dopo la prima denuncia le arcate all’angolo con corso Giulio Cesare sono tornate ad ospitare donne, uomini e bambini senza dimora. E basta transitare lungo la via per averne la certezza. Al posto dei negozi sono comparsi i senzatetto che dormono per terra o in alternativa su qualche materassino. Con addosso una coperta che serve per coprire il volto. Una situazione che non sembra piacere ai residenti, pronti a liberare quel porticato dagli ospiti. “Le foto dimostrano che abbiamo ragione – spiega uno di loro -. Alla sera preferiamo persino non uscire di casa. Non si sa mai cosa può succedere”.

E anche se Amiat interviene puntuale i problemi continuano a non mancare. Quando non ci sono i barboni, infatti, tocca a qualche ubriacone importunare chi sta solo cercando di dormire. “Presenteremo una nuova interpellanza – denuncia Patrizia Alessi, capogruppo di FdI in circoscrizione Sette -. Ma senza volontà di ripartire questo quartiere non vedrà mai la luce”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in ospedale: neonata muore mezz'ora dopo la nascita

  • "Da domani la strada sarà piena di veleno per i vostri cani" e i residenti insorgono sul web

  • Doppia scossa di terremoto a mezz'ora l'una dall'altra: avvertite dalla popolazione

  • Scontro violento fra auto: i vigili del fuoco estraggono due ragazze dalle lamiere

  • Velocità rilevata con autovelox e telelaser: le vie interessate dai possibili controlli

  • Emergenza smog, tornano le limitazioni strutturali dopo la giornata di sciopero

Torna su
TorinoToday è in caricamento