Lacio di lacrimogeni, scoppia la protesta al consolato romeno: 1 arresto e 4 feriti

Le proteste si sono fatte più accese a partire dalle 20.30 quando sono stati chiusi i seggi e molte persone non hanno quindi potuto esprimere il loro voto. La polizia ha risposto con i lacrimogeni

Attimi di tensione ieri sera davanti al consolato della comunità romena di via Ancona, affollata già dalle prime luci dell'alba dagli stessi cittadini romeni chiamati a votare i propri rappresentanti in patria. Tensioni che hanno portato ad un arresto e quattro feriti lievi.

Chiuse le urne e, quindi i cancelli del consolato, 50 persone delle 500 che erano ancora in fila e che non avevano quindi potuto esprimere la propria preferenza, hanno cominciato a fare pressione sui cancelli. La protesta è stata talmente accesa che il cordone di polizia, sul luogo fin dal mattino per garantire l'ordine, è stato costretto ad usare alcuni lacrimogeni per sedare i cittadini più agitati.

Solo pochi minuti di calma apparente perchè, qualche istante dopo circa 200 persone sono tornare davanti agli uffici muniti di bottiglie di vetro che hanno preso a lanciare contro la struttura: alcuni di loro, invece, hanno cominciato a rovesciare contro le forze dell'ordine i cassonetti della spazzatura. Anche qui, per disperdere la folla, le forze dell'ordine sono state costrette ad usare i lacrimogeni. Il bilancio del parapiglia è di un arresto e quattro feriti lievi: l'uomo arrestato è romeno, i feriti sono, invece, due romeni e due poliziotti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I problemi, al consolato di via Ancona si erano verificati sin dalla mattinata con code lunghissime e proteste. Gli elettori, infatti, già nel pomeriggio, avevano denunciato carenze organizzative e ritardi. Per la maggior parte dei presenti, tali attese, sarebbero state create per ad arte per favorire Victor Ponta sul candidato di centro-destra Klaus Iohannis.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Bimba di sette anni morsa da una vipera mentre passeggia con i genitori: è grave

  • Tragedia nel bosco: ragazzina di 16 anni trovata impiccata a un albero

  • "L'abbraccio tricolore" delle Frecce, lo spettacolo nel cielo di Torino: foto e video

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • Mascherine obbligatorie questo fine settimana anche all'aperto, ma solo nei centri abitati

Torna su
TorinoToday è in caricamento