Ai piedi delle montagne l'oasi dei rifugiati, viaggio nel centro di accoglienza di Villar Pellice

Sono 60 e provengono per la maggior parte dall'Africa subshariana. Nel centro di accoglienza di Villar Pellice, a pochi chilometri da Pinerolo, studiano l'italiano e sperano in un futuro migliore

Indossano magliette, pantaloni della tuta e scarpe da ginnastica: qualcuno azzarda l'infradito anche se alle pendici delle montagne della Val Pellice non fa poi così caldo. Non sembrerebbero profughi e invece lo sono, o meglio sono richiedenti asilo, un'etichetta a volte usata impropriamente per identificare le persone che, fuggite dalla guerra, chiedono di essere accolte per una vita migliore. A Villar Pellice, nella nuova struttura Crumiére - hotel inutilizzato da 10 anni - ce ne sono 60 e sono arrivati a trance durante l'arco dell'estate, in un paesino che, di fatto, conta poco più di mille abitanti.

"L'impatto con la cittadinanza è stato forte - ci racconta Diego Mometti, coordinatore della struttura di accoglienza - ma col tempo, amministrazione e parte dei residenti hanno capito e accettato la situazione e sinceramente spero vada sempre meglio". E, in effetti, non è difficile, passeggiando per il paese, notare qualche rifugiato aiutare i cittadini nei lavori quotidiani, negli orti o a spaccare la legna. I 60 ragazzi ospitati nella struttura di Villar Pellice provengono per la maggior parte dall'Africa subsahariana: alle spalle hanno storie difficili, di guerra e disperazione. Giunti in Italia, per 6 mesi - a causa delle leggi in vigore nel nostro territorio - non possono lavorare: "Durante la loro permanenza nella struttura di Villar Pellice - continua Diego - svolgono attività formative e imparano l'italiano. Al termine dei sei mesi previsti dalla legge abbiamo già pensato a percorsi di integrazione e stage lavorativi che possano inserire maggiormente i ragazzi nel mondo del lavoro".

Nel frattempo, tra un pasto e l'altro - a dare una mano in cucina c'è anche qualcuno di loro - i rifugiati partecipano alla vita di quella che può essere chiamata a tutti gli effetti una comunità. Le stanze dell'hotel Crumiére sono accoglienti - possono ospitare dalle 2 alle 4 persone - poi c'è il giardino, la sala relax e le poltrone per guardare la televisione. Tra qualche settimana verrà predisposta una palestra e saranno ultimati i lavori di ristrutturazione dell'edificio. "Apriremo anche un poliambulatorio - afferma Diego - che vorremmo predisporre a tutta la cittadinanza, non solo come servizio aggiuntivo, ma anche come occasione per facilitare l'integrazione tra i ragazzi della struttura e la gente di Villar Pellice". Sì, perchè a seguito dei flussi dei migranti non sono mancate le polemiche da parte dei residenti, per certi aspetti anche comprensibili, ci racconta Diego. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E nell'hotel Crumiére, diventata di fatto la loro casa, i 60 rifugiati stanno bene. Passano il tempo a studiare l'italiano - tra una risata e l'altra - giocano a pallone e danno una mano nelle faccende quotidiane: in cucina, durante i preparativi per il pranzo e la cena, si ascolta musica popolare africana. Tutti sperano in un futuro migliore. Come Alex, fuggito dalla sua terra perchè troppo pericolosa: "Spero in una vita in cui non debba più vedere persone che muoiono a causa delle guerre - racconta -. Spero di avere una famiglia e che i miei figli non debbano vedere mai quello che ho visto io".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Ambulante positivo al coronavirus va al mercato a vendere frutta e verdura: denunciato

  • Clienti in coda davanti alla gelateria, scatta la multa. "Ma non posso fare il vigile"

  • Tragedia nel bosco: ragazzina di 16 anni trovata impiccata a un albero

  • "L'abbraccio tricolore" delle Frecce, lo spettacolo nel cielo di Torino: foto e video

  • Uccide una donna a colpi di pistola nel piazzale del supermercato, poi si costituisce

Torna su
TorinoToday è in caricamento