A tre anni dal rogo il centro d'incontro è pronto a rinascere

In via Vipacco si sta lavorando per la riqualificazione dell'ex edificio devastato nel 2009 a causa di un incendio doloso

Tre anni dopo quell’incendio considerati da molti “maledetto” il centro d’incontro di via Vipacco si prepara a rivedere la luce, offuscata per troppo tempo. Il Comune di Torino e la circoscrizione Tre starebbero facendo passi da gigante per riconsegnare il vecchio circolo ai residenti del quartiere Pozzo Strada. Una struttura bruciata nel 2009 insieme ad un capannone di proprietà della Città. Un rogo doloso a cui nessuno ha saputo attribuire una spiegazione. La rimozione delle macerie sarà il primo passo, poi si passerà al progetto che prevede la ricostruzione dei locali di via Vipacco.

A sparire saranno anche le erbacce che oggi circondato il centro. E quelle bottiglie gettate in un’area di cantieri diventata con il tempo una discarica. Ma se a parole le idee sembrano tante sulla carta risulta ancora difficile stabilire una data di inizio dei lavori. Ed oggi in via Vipacco regna solo il degrado e l’abbandono.  Lo sanno bene i residenti del quartiere. “Speriamo che non sia una favola e che tutto ricominci – raccontano Mario e Giorgio, due anziani del borgo -. Quei locali ci mancano davvero tanto. Anni bruciati in una sola notte, ricordi di cui vorremmo riappropriarci al più presto”.

L’investimento oneroso previsto per quell’area porterà alla costruzione di un nuovo fabbricato con due saloni, ben cinque sale piccole, una serie di uffici, uno spogliatoio e ovviamente i servizi igienici. Compresa anche la risistemazione dell’area esterna. Negli ultimi tre anni, infine, gli interni sono stati demoliti e le mura esterne sono state cantierizzate per evitare il pericolo legato ai cedimenti strutturali. “Una grossa fetta di quel terreno – spiega il presidente della circoscrizione Tre Daniele Valle - è stata affidata ai privati che costruiranno in quel punto una serie di unità immobiliari. Il progetto, però, prevede altro. A cominciare dalla rimozione delle macerie e continuando con la ricostruzione del centro”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insetti in casa: la scutigera, l'insetto (utilissimo) che mangia gli altri insetti

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • L'eclissi penombrale della Luna Fragola: questa sera il vero spettacolo è nel cielo

  • Tempesta sul Torinese: zone allagate, paesaggi imbiancati e numerosi disagi

  • Piemonte riaperto da mercoledì in entrata e uscita, stop all'obbligo di mascherine all'aperto

  • Tragedia nel palazzo: morto dopo essere caduto nel vano ascensore

Torna su
TorinoToday è in caricamento