Uccise a fucilate il geometra del tribunale: chiesta la condanna a 30 anni

Ma l'imputato ne ha già 92

La scena dell'omicidio dello scorso 9 novembre a Portacomaro (Asti)

Il pm Giorgio Nicola ha chiesto una condanna a 30 anni di reclusione per Dario Cellino, 92enne che il 9 novembre 2018 a Portacomaro (Asti) sparò col fucile e uccise il geometra 44enne di Rivoli Marco Massano, che si era presentato a casa sua per un sopralluogo per conto del locale tribunale.

La richiesta è stata formulata ieri nell'udienza del processo che si svolge con rito abbreviato, durante cui l'imputato a reso anche dichiarazioni spontanee ribadendo che temeva che gli volessero portare via la casa. In aula era presente anche Sara, la moglie di Massano, costretta da allora a crescere da sola i suoi tre figli.

La sentenza potrebbe arrivare il prossimo settembre. Cellino è difeso dall'avvocato Sabrina Zeglio. I familiari di Massano sono rappresentati come parti civili dagli avvocati Silvia Merlino e Alberto Bazzano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • In corto la presa dell'albero di Natale: appartamento distrutto da un incendio, salvati mamma e bimbi

Torna su
TorinoToday è in caricamento