Due fratelli e un (giovanissimo) cugino rapinano i passanti aggredendoli con la pistola giocattolo: presi

Un ragazzo è finito in ospedale

La pistola giocattolo sequestrata alla banda dai carabinieri

Avvicinavano i passanti e li rapinavano di soldi e telefoni cellulari utilizzando una pistola finta per minacciarli. Tre brasiliani, due fratelli di 22 e 20 anni e un loro cugino di 16 anni, residenti a Orbassano, sono stati arrestati dai carabinieri della stazione di Beinasco la notte di sabato 9 marzo 2019.

Sono stati rintracciati dopo che, in strada Rivalta a Orbassano, avevano rapinato del cellulare un 17enne del luogo, colpendolo ripetutamente alla testa con l'arma e provocandogli ferite giudicate guaribili in 10 giorni dai sanitari dell'ospedale San Luigi.

Le indagini hanno permesso di stabilire che poco prima a Torino, con lo stesso modus operandi, in via Pinerolo e in corso Vigevano, avevano derubato un 42enne del cellulare e di 40 euro in contanti e, cercato di fare lo stesso con un 32enne che però era riuscito a fuggire in bicicletta.

La pistola giocattolo è stata trovata successivamente al loro arresto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento