Rapina in villa, madre e figlio malmenati dai banditi

Messi in fuga dal nipote

immagine di repertorio

Rapina in villa con madre e figlio picchiati dai ladri la sera di sabato 23 dicembre 2017 a Bollengo.

Due malviventi a volto coperto ma chiaramente italiani (forse si trattava di sinti) hanno fatto irruzione nell'abitazione della famiglia in via Bredda  intorno alle 20 e hanno minacciato prima la madre di 78 anni, che è stata strattonata, e poi il figlio di 52 anni, entrambi italiani anche loro. Quest'ultimo è stato colpito in testa con una torcia elettrica e ferito con un cacciavite. "Se non ci dite dove tenete nascosti i soldi vi ammazziamo tutti", hanno intimato loro i rapinatori.

Proprio in quel momento, però, nella villa è entrato il nipote dell'uomo, un 20enne, che ha capito che cosa stesse succedendo ed è fuggito per dare l'allarme. I due lestofanti lo hanno dapprima inseguito ma poi hanno rinunciato al colpo, rompendo anche un vaso per evitare di essere seguiti a loro volta.

Sull'episodio sono in corso le indagini dei carabinieri, chiamati dalle vittime dopo l'accaduto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Anche in tangenziale arrivano velox: ecco dove verranno posizionati

  • Tragedia in ospedale: neonata muore mezz'ora dopo la nascita

  • "Da domani la strada sarà piena di veleno per i vostri cani" e i residenti insorgono sul web

  • Doppia scossa di terremoto a mezz'ora l'una dall'altra: avvertite dalla popolazione

  • Fine corsa per il pirata della strada, la sua auto era in carrozzeria: arrestato

  • Scontro violento fra auto: i vigili del fuoco estraggono due ragazze dalle lamiere

Torna su
TorinoToday è in caricamento