Rapina in villa, madre e figlio malmenati dai banditi

Messi in fuga dal nipote

immagine di repertorio

Rapina in villa con madre e figlio picchiati dai ladri la sera di sabato 23 dicembre 2017 a Bollengo.

Due malviventi a volto coperto ma chiaramente italiani (forse si trattava di sinti) hanno fatto irruzione nell'abitazione della famiglia in via Bredda  intorno alle 20 e hanno minacciato prima la madre di 78 anni, che è stata strattonata, e poi il figlio di 52 anni, entrambi italiani anche loro. Quest'ultimo è stato colpito in testa con una torcia elettrica e ferito con un cacciavite. "Se non ci dite dove tenete nascosti i soldi vi ammazziamo tutti", hanno intimato loro i rapinatori.

Proprio in quel momento, però, nella villa è entrato il nipote dell'uomo, un 20enne, che ha capito che cosa stesse succedendo ed è fuggito per dare l'allarme. I due lestofanti lo hanno dapprima inseguito ma poi hanno rinunciato al colpo, rompendo anche un vaso per evitare di essere seguiti a loro volta.

Sull'episodio sono in corso le indagini dei carabinieri, chiamati dalle vittime dopo l'accaduto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

  • Tempo libero e svago, cosa fare a Torino e dintorni sabato 16 e domenica 17 novembre

  • Trasporto pubblico locale, in arrivo un giornata di sciopero: possibili disagi

  • Autostrada, installati due box per gli autovelox: dove sono

  • Offerte di lavoro e stage alla Magneti Marelli: le posizioni aperte 

  • Le "soffia" il parcheggio e lui scende dall'auto, la insulta e le stringe il collo

Torna su
TorinoToday è in caricamento