Litiga con la madre e con la fidanzata e va a rapinare un'agenzia. Poi torna a litigare

Identificato e arrestato a casa

La Compass di corso Grosseto

Ha fatto una rapina nella filiale dell'agenzia Compass di corso Grosseto 85 ma è stato arrestato praticamente in flagrante perché subito dopo è andato a litigare con i propri familiari e con la sua fidanzata.

L'episodio è avvenuto nel pomeriggio di martedì 24 luglio 2018. Protagonista un italiano di 30 anni che si era fatto consegnare 650 euro dal personale dell'attività dopo essere entrato negli uffici con un cappello con visiera e armato di un grosso coltello.

Quando gli agenti sono arrivati nell'abitazione (poco distante dalla Compass), chiamati dai vicini per la lite in famiglia, hanno riconosciuto l'autore della rapina descritto dagli impiegati.

L'uomo, che ha problemi di tossicodipendenza e numerosi precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, ha ammesso le proprie responsabilità raccontando di avere fatto la rapina dopo una lite con sua madre e con la fidanzata, di cui aveva buttato anche alcuni effetti personali nell'immondizia.

Potrebbe interessarti

  • Medusa, rimedi anti puntura: gli errori da non commettere mai

  • Bevute eccessive: gli effetti immediati, il post-sbornia, i rimedi

  • Spioncino digitale, la tecnologia al servizio della sicurezza

  • I pericoli in mare e in piscina: l’acqua alta e la congestione

I più letti della settimana

  • Ragazza arriva in ospedale per un trapianto di cuore, ma i medici salvano il suo

  • Tragedia nel condominio: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Muore otto giorni dopo l'incidente: era troppo debole, non ce l'ha fatta

  • Tragedia nella caserma degli alpini: militare trovato impiccato alla tromba delle scale

  • Scontro frontale tra moto e auto: due centauri sbalzati via per diversi metri, sono gravi

  • Marito uccide la moglie con una lima da modellismo, dopo qualche ora si costituisce

Torna su
TorinoToday è in caricamento