Litiga con la madre e con la fidanzata e va a rapinare un'agenzia. Poi torna a litigare

Identificato e arrestato a casa

La Compass di corso Grosseto

Ha fatto una rapina nella filiale dell'agenzia Compass di corso Grosseto 85 ma è stato arrestato praticamente in flagrante perché subito dopo è andato a litigare con i propri familiari e con la sua fidanzata.

L'episodio è avvenuto nel pomeriggio di martedì 24 luglio 2018. Protagonista un italiano di 30 anni che si era fatto consegnare 650 euro dal personale dell'attività dopo essere entrato negli uffici con un cappello con visiera e armato di un grosso coltello.

Quando gli agenti sono arrivati nell'abitazione (poco distante dalla Compass), chiamati dai vicini per la lite in famiglia, hanno riconosciuto l'autore della rapina descritto dagli impiegati.

L'uomo, che ha problemi di tossicodipendenza e numerosi precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, ha ammesso le proprie responsabilità raccontando di avere fatto la rapina dopo una lite con sua madre e con la fidanzata, di cui aveva buttato anche alcuni effetti personali nell'immondizia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • In corto la presa dell'albero di Natale: appartamento distrutto da un incendio, salvati mamma e bimbi

Torna su
TorinoToday è in caricamento