Bobine di rame rubate: un tesoro da 200mila euro all'interno dell'azienda

Tre denunciati

Il ritrovamento delle bobine di rame rubate nella Valma di Borgaro Torinese

Blitz dei carabinieri della stazione di Caselle Torinese lo scorso lunedì 4 marzo 2019 nei capannoni della Valma di via America 14 a Borgaro Torinese.

I militari dell'Arma hanno scoperto 18 grosse bobine di rame, per un peso complessivo di oltre 25 tonnellate e un valore di 200mila euro, risultate rubate il giorno prima dalla depositeria giudiziaria Auto di via Monteponi 57/65 a Torino. La motrice ed il rimorchio impiegati per il loro trasporto sono stati trovati abbandonati nelle campagne di Lombardore.

Immediatamente è scattata la denuncia per la titolare dell'attività, per il marito e per un operaio, accusati di ricettazione.

Nel corso dell'intervento, i carabinieri hanno recuperato anche due distributori automatici industriali per attrezzi risultati rubati a maggio 2015 nella ditta Transmec di Rivoli.

Oltre alla denuncia per ricettazione, per la titolare e per il marito è scattata anche quella per avere stoccato nel capannone, che è stato sequestrato, rifiuti pericolosi senza averne alcuna autorizzazione. Sul posto sono intervenuti anche i tecnici dell'Arpa per le misurazioni del caso.

Potrebbe interessarti

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

  • Il Barbecue perfetto:  6 regole fondamentali

  • Come combattere la piaga dei punti neri

  • Bagnet verd, la tipica salsa piemontese: assaggiatela coi tumin

I più letti della settimana

  • Autocisterna travolge bici, ragazza resta schiacciata sotto le ruote: morta

  • Scendono a cambiare la gomma a terra, passa un'auto e li travolge: due morti e un ferito

  • Tragedia nella notte: ucciso un uomo dopo un violento litigio

  • Addio a Sabino, una roccia sul ring e un papà dolcissimo

  • Caos in coda al concerto di Eros: 700 fan costretti a rimanere fuori

  • Accende il gas per preparare il caffé e la cucina esplode: ustionata una torinese

Torna su
TorinoToday è in caricamento