Rally si trasforma in tragedia, Coassolo si stringe attorno al piccolo Aldo

A portare via il bambino, 6 anni appena, è stato l’improvviso malore che ha colpito il pilota, Cristian Milano di Prascorsano

Cristian Milano di Prascorsano

Doveva essere una giornata di festa, invece è finita in una incredibile tragedia. Di quelle che non si vorrebbero raccontare mai.

Aldo Ubaudi, appena 6 anni, è morto oggi, sabato 27 maggio, al rally Città di Torino di Coassolo, travolto da un’auto uscita di strada all’altezza di una curva.

Il piccolo, la sua famiglia e il fratellino (illeso) sono volti noti nella comunità di Coassolo. Il papà è un imprenditore edile e boscaiolo. Inoltre la famiglia è conosciuta per la trattoria e il negozio di alimentari del paese, gestito dai nonni.

A portare via il piccolo Aldo è stato l’improvviso malore che ha colpito il pilota, Cristian Milano di Prascorsano. Il navigatore, Luca Pieri, capito il pericolo, ha disperatamente tirato il freno a mano per impedire la disgrazia. Ma non c’è stato nulla da fare, anche complice la posizione della famiglia che, forse, stava guardando il rally da un punto pericoloso.

I genitori di Aldo sono rimasti feriti e trasportati all'ospedale di Ciriè , ricoverati in prognosi riservata con un politrauma. Non risultano in pericolo di vita.

IL VIDEO DELL'INCIDENTE

Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Venaria Reale, insieme con le ambulanze del 118 e l'elisoccorso. L'inchiesta è stata affidata al pm Ruggiero Crupi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

  • Si lancia dal settimo piano del palazzo: morto

  • Trasporto pubblico locale, in arrivo una giornata di sciopero: possibili disagi

  • Offerte di lavoro e stage alla Magneti Marelli: le posizioni aperte 

  • Suv si schianta contro un muretto: dopo gli accertamenti scatta il sequestro del veicolo  

  • Incidente di cantiere: autostrada chiusa in un senso, previsione riapertura in 48-72 ore

Torna su
TorinoToday è in caricamento