"O la puzza a Torino sparisce o l'impianto di Druento verrà bloccato"

Il Movimento a 5 Stelle ha presentato un ordine del giorno in cui chiede provvedimenti per la puzza proveniente dall'impianto di compostaggio di Druento. Entro aprile il cattivo odore dovrà cessare

Il Consiglio Comunale di Torino ha approvato quasi all'unanimità (unico contrario Viale del PD) l'ordine del giorno presentato dal Movimento 5 Stelle a proposito della terribile puzza che ormai da anni ammorba le notti di gran parte dei torinesi. E' ormai assodato che la puzza arriva dall'impianto di compostaggio Punto Ambiente di Druento, del consorzio CIDIU, che ha recentemente ridotto la quantità di rifiuti trattata per cercare di contenere gli odori.

La Città prende posizione e chiede alla Provincia, nel caso in cui gli odori non spariscano completamente entro aprile, di bloccare l'impianto per ristrutturarlo in modo da eliminare la puzza. "E' un risultato importante su una questione che turba da anni la vita di molti torinesi" dichiara Vittorio Bertola, capogruppo del Movimento 5 Stelle Torino e primo firmatario. "In qualche modo il problema va risolto prima dell'estate: chi gestisce l'impianto si adoperi in tal senso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pane, olio e altri beni primari con i prezzi gonfiati del 200%: denunciato titolare

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Cirio firma l'ordinanza: "Da lunedì i supermercati potranno vendere cancelleria"

  • Coronavirus, Università di Torino: "La carenza di vitamina D può aumentare i rischi di contagio"

  • Rapina in farmacia, poi arrivano i parenti del malvivente: 12 volanti per fermarli

  • Stanotte torna l'ora legale, lancette in avanti: "Un mix critico col Coronavirus"

Torna su
TorinoToday è in caricamento