Via Germagnano e lungo Stura Lazio, serviranno 3 milioni per rimuovere i rifiuti

Amiat stima 5mila tonnellate di immondizia nel campo nomadi del Rebaudengo e altrettante nella baraccopoli sgomberata sulle sponde del fiume

Immagine di repertorio

Serviranno tre milioni per pulire il capo nomadi di via Germagnano e l’ex baraccopoli di lungo Stura Lazio.

La notizia è emersa per voce di Amiat, in occasione della seduta odierna della commissioni Servizi Pubblici Locali presieduta da Roberto Malanca.

L’amministratore delegato di Amiat Spa, Gianluca Riu, e il direttore tecnico dell’azienda, Marco Rossi, hanno spiegato come “siano stimate 5mila tonnellate di rifiuti nel campo di via Germagnano, compresi alcuni rifiuti pericolosi, il cui smaltimento costerebbe 1,5 milioni di euro, al di là del costo di eventuali bonifiche”. Altre 5mila tonnellate toccherebbero lungo Stura Lazio.

La precisazione è arrivata dopo la richiesta della consigliera Monica Amore (M5S), che ha provocatoriamente invitato Amiat a pulire gratuitamente l’area del campo nomadi di via Germagnano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento