Attivista no-vax protesta da due giorni per fare entrare le figlie a scuola, stasera anche una fiaccolata

Ma intanto è stata querelata

Il furgoncino di Chiara Tinuzzo tappezzato di manifesti no-vax, con alcune persone che le danno assistenza

Chiara Tinuzzo, 39 anni, mamma delle due gemelle tenute fuori dalla scuola dell'infanzia Villa Girelli di Ivrea perché non in regola con le vaccinazioni, dal pomeriggio di lunedì 9 settembre 2019 è davanti all'istituto per protestare. Dorme nella suo furgoncino Renault, tappezzato di manifesti no-vax, e fa lo sciopero della fame.

La sua iniziativa viene sostenuta dai gruppi no-vax della zona e nella serata di oggi, mercoledì 11, questi hanno organizzato una fiaccolata nella cittadina (partenza alle 20 proprio davanti alla Villa Girelli, in strada privata Monte Bidasio) a suo sostegno.

La cooperativa Alce Rosso, che gestisce la scuola, intanto, ha presentato formalmente querela contro di lei e contro gli altri genitori che lunedì hanno tentato di entrare nella struttura nonostante il divieto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Anche in tangenziale arrivano velox: ecco dove verranno posizionati

  • Tragedia in ospedale: neonata muore mezz'ora dopo la nascita

  • Dramma nella notte: uomo travolto e ucciso da un'auto pirata

  • Fine corsa per il pirata della strada, la sua auto era in carrozzeria: arrestato

  • Neopatentato si schianta allo svincolo: distrutta l'auto potente del papà, lui aveva bevuto

  • Cibo mal conservato e lavoratori "in nero": ristorante chiuso e multato per 39mila euro

Torna su
TorinoToday è in caricamento