Le educatrici dei nidi minacciano lo sciopero: "Vogliamo la stabilizzazione dei precari"

Oggi l'incontro con l'amministrazione

La protesta delle educatrici davanti al Comune

Se oggi all'incontro in Prefettura con il Comune, le lavoratrici dei nidi torinesi non riceveranno le opportune garanzie per la loro professione , il 10 maggio incroceranno le braccia insieme anche al personale delle scuole d'infanzia. Ciò che chiedono a gran voce - e lo hanno fatto anche ieri, lunedì 8 aprile davanti a Palazzo di Città, - è la stabilizzazione dei precari: almeno 100 lavoratrici "per poter garantire il servizio nei nidi comunali nei prossimi anni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A marzo, durante un incontro con l'assessora ai Servizi educativi Antonietta Di Martino, le educatrici avevano ricevuto qualche speranza di assunzione entro la fine dell'anno ma negli ultimi giorni è arrivata la doccia fredda. Girerebbe la voce, non ancora confermata, che a essere assunti entro la fine del 2019 saranno 50 vigili e nessuna operatrice dei nidi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Pane, olio e altri beni primari con i prezzi gonfiati del 200%: denunciato titolare

  • Coronavirus, Università di Torino: "La carenza di vitamina D può aumentare i rischi di contagio"

  • Stanotte torna l'ora legale, lancette in avanti: "Un mix critico col Coronavirus"

  • Il virus si è portato via Franco il Baffo: la cittadina in lacrime per lo storico vigile, politico e sportivo

  • Coronavirus, nuova stretta della Regione: chiusi uffici pubblici e studi professionali fino al 3 aprile

Torna su
TorinoToday è in caricamento