Sasso contro un'auto dei vigilantes nella zona del campo nomadi: ferito operatore ecologico

I dipendenti di Amiat protestano: "Vogliamo l'Esercito"

La protesta di oggi

I dipendenti di Amiat sono scesi in piazza, quest’oggi, giovedì 7 dicembre 2017, per dire ancora una volta “no” ai continui episodi di violenza nella zona del campo nomadi di via Germagnano.

Ieri, mercoledì 7 dicembre 2017, un sasso da oltre due chilogrammi è stato lanciato contro il parabrezza dell’auto di una società di vigilanza privata, ferendo un operatore ecologico che si trovava nelle vicinanze.

“Qui deve tornare l’esercito. Solo così ci sentiremo al sicuro”, hanno affermato i dipendenti della società che si occupa della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti a Torino.

E mentre gli inquirenti stanno procedono per tentato omicidio per quanto riguarda l’episodio di mercoledì, la procura di Torino ha inviato 164 avvisi di garanzia a capofamiglia e rom presenti nel campo di via Germagnano, compresa l’area abusiva, nell’ambito dell’inchiesta per inquinamento a seguito dei numerosi roghi che sono stati appiccati nel corso degli ultimi anni nella zona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • In corto la presa dell'albero di Natale: appartamento distrutto da un incendio, salvati mamma e bimbi

Torna su
TorinoToday è in caricamento