Adesca la sua ex allieva 13enne sui social network: prof condannato, non insegnerà più

Dopo la denuncia dei genitori

immagine di repertorio

Aveva adescato una sua ex studentessa 13enne, appena passata alle superiori, utilizzando Whatsapp e Facebook. Le aveva inviato messaggi in cui descriveva i suoi rapporti sessuali e una foto di se stesso nudo.

I fatti sono avvenuti nel 2015 a Caluso e hanno avuto come protagonista un insegnante di scuola media italiano di 55 anni residente a Torino, che insegnava alla Gozzano (dopo i fatti è stato sospeso dall'insegnamento dal 2017) e che martedì 10 luglio 2018 è stato condannato a due anni di reclusione per adescamento di minorenni nel processo con rito abbreviato davanti al giudice Angela Rizzo del tribunale di Ivrea.

La vicenda era emersa dopo che lei si era confidata con le amiche e i genitori, i quali avevano poi sporto denuncia. Le indagini erano state coordinate dal pm torinese Mario Bendoni.

Dopo la sentenza il prof, difeso dall'avvocato Massimo Campanale, non potrà più insegnare: per lui è scattata l'interdizione perpetua dai pubblici uffici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento