Adesca la sua ex allieva 13enne sui social network: prof condannato, non insegnerà più

Dopo la denuncia dei genitori

immagine di repertorio

Aveva adescato una sua ex studentessa 13enne, appena passata alle superiori, utilizzando Whatsapp e Facebook. Le aveva inviato messaggi in cui descriveva i suoi rapporti sessuali e una foto di se stesso nudo.

I fatti sono avvenuti nel 2015 a Caluso e hanno avuto come protagonista un insegnante di scuola media italiano di 55 anni residente a Torino, che insegnava alla Gozzano (dopo i fatti è stato sospeso dall'insegnamento dal 2017) e che martedì 10 luglio 2018 è stato condannato a due anni di reclusione per adescamento di minorenni nel processo con rito abbreviato davanti al giudice Angela Rizzo del tribunale di Ivrea.

La vicenda era emersa dopo che lei si era confidata con le amiche e i genitori, i quali avevano poi sporto denuncia. Le indagini erano state coordinate dal pm torinese Mario Bendoni.

Dopo la sentenza il prof, difeso dall'avvocato Massimo Campanale, non potrà più insegnare: per lui è scattata l'interdizione perpetua dai pubblici uffici.

Potrebbe interessarti

  • Sagre, feste e prodotti tipici: 6 appuntamenti da non perdere a luglio

  • Sei bersagliato dalle punture di zanzara? Sette motivi per cui preferiscono proprio te

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

  • "Quando la bicicletta non sta sul balcone"

I più letti della settimana

  • Autocisterna travolge bici, ragazza resta schiacciata sotto le ruote: morta

  • Tragedia nella serata: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Terribile scontro fra due veicoli: morto un papà, due feriti

  • Auto esce di strada e si schianta contro un albero, medico grave in ospedale

  • Detrito come un proiettile trapassa un'auto da parte a parte: conducente illeso per miracolo

  • Addio a Sabino, una roccia sul ring e un papà dolcissimo

Torna su
TorinoToday è in caricamento