Bimba morì per un'emorragia dopo le dimissioni dall'ospedale: chiesto processo per un medico

Scambiata per gastrite

L'ospedale di Rivoli

Il procuratore aggiunto Vincenzo Pacileo ha chiesto il rinvio a giudizio per un medico dell'ospedale di Rivoli che, il 4 maggio 2018, firmò le dimissioni della piccola Alice Mele, una bambina di due anni residente a Collegno che morì il giorno successivo per un'emorragia cerebrale all'ospedale Regina Margherita di Torino.

Secondo il magistrato il sanitario è responsibile di omicidio colposo in quanto non si sarebbe accorto dell'emorragia in corso, scambiandola per una gastrite. La piccola, infatti, accusava vomito. Per l'accusa avrebbe dovuto quantomeno essere sottoposta a una Tac, cosa che non fu fatta.

Del caso si sono occupati anche gli agenti della squadra mobile di Torino, che hanno accertato che la piccola era caduta due volte e che questo era stato segnalato al medico.

La vicenda

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si lancia dal settimo piano del palazzo: morto

  • Trasporto pubblico locale, in arrivo una giornata di sciopero: possibili disagi

  • Auto si schianta contro un muro: donna morta sul colpo

  • Offerte di lavoro e stage alla Magneti Marelli: le posizioni aperte 

  • Suv si schianta contro un muretto: dopo gli accertamenti scatta il sequestro del veicolo  

  • Incidente di cantiere: autostrada chiusa in un senso, previsione riapertura in 48-72 ore

Torna su
TorinoToday è in caricamento