Bimba morì per un'emorragia dopo le dimissioni dall'ospedale: chiesto processo per un medico

Scambiata per gastrite

L'ospedale di Rivoli

Il procuratore aggiunto Vincenzo Pacileo ha chiesto il rinvio a giudizio per un medico dell'ospedale di Rivoli che, il 4 maggio 2018, firmò le dimissioni della piccola Alice Mele, una bambina di due anni residente a Collegno che morì il giorno successivo per un'emorragia cerebrale all'ospedale Regina Margherita di Torino.

Secondo il magistrato il sanitario è responsibile di omicidio colposo in quanto non si sarebbe accorto dell'emorragia in corso, scambiandola per una gastrite. La piccola, infatti, accusava vomito. Per l'accusa avrebbe dovuto quantomeno essere sottoposta a una Tac, cosa che non fu fatta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Del caso si sono occupati anche gli agenti della squadra mobile di Torino, che hanno accertato che la piccola era caduta due volte e che questo era stato segnalato al medico.

La vicenda

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insetti in casa: la scutigera, l'insetto (utilissimo) che mangia gli altri insetti

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Tempesta sul Torinese: zone allagate, paesaggi imbiancati e numerosi disagi

  • Piemonte riaperto da mercoledì in entrata e uscita, stop all'obbligo di mascherine all'aperto

  • Tragedia lungo la statale: scooter e moto si scontrano, morte due persone

  • Tragedia nel palazzo: morto dopo essere caduto nel vano ascensore

Torna su
TorinoToday è in caricamento