homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Schiamazzi e musica a tutto volume. I residenti chiedono aiuto al prefetto

Da corso Brescia e via Alessandria è partita una petizione per chiedere più controlli contro i locali furbi che tengono aperto fino a tardi. Un problema che porta ad atti di vandalismo e disagi. "Basta con il degrado"

Un esposto al sostituto procuratore della Repubblica italiana e una petizione con più di duecento firme. I promotori dell’iniziativa contro la movida selvaggia nel quartiere Aurora sono i residenti di via Alessandria, via Aosta e corso Brescia che da tre anni lottano contro schiamazzi notturni, atti vandalici e auto parcheggiate in mezzo alla strada. Un documento lungo tre pagine, quello indirizzato alla procura, arricchito con tanto di foto scattate di notte.

Il problema – come si legge chiaramente nella lettera – inizia dopo l’una e dura fino alle prime ore del mattino. Oltre al frastuono i residenti devono convivere con bottiglie di birra lasciate dove capita e con numerosi atti vandalici dovuti all’eccessiva dose di alcool ingerita tra i locali e i negozi furbi che tengono aperto oltre l’orario consentito. Il risultato è facile da immaginare. Muri scambiati per orinatoi, specchietti rotti per divertimento, strombazzate di clacson e risse per un’occhiata di troppo alla ragazza di un altro.

Un disagio che nessuno nella zona è più disposto a sopportare. "Non abbiamo nulla contro i locali che esercitano regolarmente la loro attività – spiega Francesco, uno dei primi firmatari -. Ma quello che succede lungo le strade alle 2 o alle 3 di notte è assolutamente ingiustificabile. Non possiamo chiamare sempre le forze dell’ordine, chiediamo rispetto e che qualcuno si prenda a cuore questa situazione che ormai è sfuggita di mano alle istituzioni".



Una realtà conosciuta anche dai gestori dei locali che già in passato si erano dimostrati solidali con i cittadini puntano il dito sui negozi e i bar che tengono aperto oltre l’orario consentito. Nessun ragazzo, infatti, esce con una consumazione fuori dalle discoteche. Ciò che al contrario non accade in afromarket e bar che tengono la serranda a mezza altezza diventando un punto di ritrovo per tutti gli amanti della movida. "Segnaleremo il caso alle forze dell’ordine" hanno dichiarato gli uffici della circoscrizione Sette di corso Vercelli.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di alessandro
    alessandro

    in piu si aggiungono le limousin parcheggiate in contromano davanti alla discoteca e in corso verona quasi tutte le sere macchine parcheggiate in centro strada su strisce pedonali e posti per invalidi, quando basterebbe girare l'angolo per trovare parcheggi completamente vuoti di fronte all'amiat, ma devono far vedere la bmw o la porche...

  • Avatar anonimo di Fabio
    Fabio

    e che si aspettavano? hanno messo la legge che non si puó fumare all'interno dei locali ed ecco il risultato! la gente va a fumare fuori e si porta la bevuta per non rischiare che gli venga rubata (visto quanto costa) oppure che gli venga messo qualcosa dentro....

  • E' un problema molto sentito sia in città che in provincia! Purtroppo le forze dell'ordine, in primis i Vigili, non fanno rispettare i regolamenti di polizia urbana!

Notizie di oggi

  • Eventi

    Grattacielo Intesa: apre Piano 35, il ristorante più alto d'Italia

  • Politica

    Giunta Appendino: ecco Guido Montanari, assessore all'Urbanistica

  • Cronaca

    Scoperta banda di truffatori, raggirava le ditte di noleggio e produceva monete false

  • Cronaca

    Scandalo in via Bologna, il cibo per i poveri finisce nel bidone dell'immondizia

I più letti della settimana

  • Si lancia dal parcheggio delle Gru, donna muore dopo un volo di dieci metri

  • I festeggiamenti di San Giovanni: ecco il programma

  • Scoppia il quadro elettrico del supermercato, gravi due operai

  • Incidente in corso Toscana, auto si cappotta sui binari del tram

  • Per strada prende a bastonate una bimba: salva grazie ai carabinieri

  • Via Botticelli, motociclista sbatte violentemente contro auto in sosta

Torna su
TorinoToday è in caricamento