Collegno: crack e cocaina, chiusa la centrale dello spaccio

Era necessaria una parola d'ordine per entrare, tre arresti

Era necessaria una parola d'ordine per entrare nella centrale di spaccio di tre senegalesi, in via Adamello 26 a Collegno.
Lo hanno scoperto i carabinieri di Collegno che ieri sera, martedì 13 settembre, sono riusciti a entrare nel loro covo.

I militari dell'Arma sono intervenuti dopo le proteste di diversi condomini e hanno tenuto sotto sorveglianza l’appartamento e sono riusciti a individuare un tossicodipendente che ha acquistato una dose di crack da un africano.

Spacciatore e acquirente sono stati bloccati: si tratta rispettivamente di un francese di origini senegalesi di 32 anni e di un operaio italiano di 33 anni.

Utilizzando lo spacciatore come cavallo di troia, facendogli dire la parola d'ordine, i militari sono riusciti a entrare in casa e hanno arrestato altri due complici, senegalesi di 19 e 26 anni, che preparavano le dosi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

All'interno dell’abitazione, i militari hanno sequestrato 35 grammi di cocaina, un bilancino di precisione e 9mila euro in contanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Bimba di sette anni morsa da una vipera mentre passeggia con i genitori: è grave

  • Tragedia lungo la statale: scooter e moto si scontrano, morte due persone

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • Mascherine obbligatorie questo fine settimana anche all'aperto, ma solo nei centri abitati

  • Allarme in casa: bambino di 10 anni gravemente ustionato mentre fa un esperimento per la scuola

Torna su
TorinoToday è in caricamento