Prega Allah in mezzo alla strada e ferma il traffico, poi lancia le pietre contro i finanzieri

Bloccato, arrestato e condannato

immagine di repertorio

Si è seduto in mezzo alla strada e si è messo a pregare Allah sotto gli occhi degli automobilisti sbigottiti.

A bloccare il traffico, nella mattinata di ieri, giovedì 25 gennaio 2018, in via Zini, è stato un sudanese di 30 anni.

Tutto questo fino a quando sul posto è arrivata una pattuglia della guardia di finanza, che ha cercato di dissuaderlo dal suo comportamento.

L'uomo, a quel punto, si è scagliato contro gli uomini del Gruppo Torino rei, a suo dire, di averlo distolto dal momento di raccoglimento: prima li ha insultati, poi ha lanciato alcune pietre contro di loro.

Sono così arrivati rinforzi dalla centrale e alla fine i militari lo hanno bloccato e portato via. L'uomo aveva anche della droga addosso.

Arrestato per violenza, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, è stato processato per direttissima e condannato a 10 mesi di reclusione.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bambini investiti da un’auto: 3 finiscono in ospedale

  • Giovane si toglie la vita sparandosi un colpo di pistola

  • Trasporto pubblico locale, domani tram e bus si fermano per 4 ore

  • Tempo libero, cosa fare a Torino e dintorni sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Dal Torinese, il denaro veniva "ripulito" dopo un giro per il mondo: fratelli imprenditori nei guai

  • Nel garage nascosta la merce del noto supermercato: un denunciato

Torna su
TorinoToday è in caricamento