Arriva il freddo e il Comune riserva 410 posti letto in più ai senzatetto

Approvato stamattina il "Piano emergenza freddo": in città, saranno potenziate le strutture di accoglienza per ospitare, almeno quest'inverno, un maggior numero di persone

Le temperature invernali ormai si fanno sentire e ogni giorno scendono un po' di più. Tempi duri dunque per chi non ha una casa e non sa dove consumare un pasto caldo. Proprio a questo proposito stamattina, l'esecutivo del Comune di Torino ha approvato il "Piano emergenza freddo per l'inverno 2014-2015", per il quale sono stati stanziati 688 mila euro, volto ad aiutare i senzatetto presenti in città nei rigidi mesi invernali. I servizi sociali insieme alle associazioni di volontariato, alle parrocchie, alla Protezione Civile e alla Polizia Municipale di Torino hanno unito le loro forze predisponendo un piano di rafforzamento dei luoghi di accoglienza diurna e notturna, per chi vive situazioni di marginalità.

Oltre ai posti garantiti regolarmente per dodici mesi, per l'inverno ce ne saranno 410 in più: i 170 posti letto del ricovero attrezzato al parco della Pellerina; 150 posti presso quattro ulteriori strutture di accoglienza appositamente attivate per l'inverno; 70 posti ulteriori presso le Case di Ospitalità Notturna e dei Servizi abitativi di TorinoM; 20 posti sperimentali secondo le forme di accoglienza temporanea in abitazioni private.

Nel periodo invernale inoltre tutte le Case di Ospitalità Notturna della Città, anticiperanno l'apertura alle 19 e posticiperanno la chiusura alle 9 rafforzando la presenza di operatori sociali al fine di garantire un'adeguata accoglienza a chi lo necessita. Il Piano emergenza freddo per quest'inverno inoltre prevede il potenziamento della Boa Urbana Mobile: il servizio itinerante notturno di assistenza alle persone senza dimora sarà attivo ogni giorno dalle 18.30 alle 2

"Quando ogni anno arriva il freddo - ha spiegato il vicesindaco Elide Tisi - a rendere la vita difficile a chi non ha un luogo dove ripararsi, cerchiamo di assicurare ad un numero più alto possibile di persone un posto asciutto e riscaldato dove passare la notte e un luogo di ristoro che li accolga anche durante il giorno. Grazie alle onlus e alle associazioni di volontariato - ha concluso Tisi - , abbiamo messo a punto un piano per far fronte in maniera adeguata alle richieste di aiuto che proprio nelle giornate più fredde dell'anno arrivano dalle persone che vivono in strada".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Da domani la strada sarà piena di veleno per i vostri cani" e i residenti insorgono sul web

  • Doppia scossa di terremoto a mezz'ora l'una dall'altra: avvertite dalla popolazione

  • Scontro violento fra auto: i vigili del fuoco estraggono due ragazze dalle lamiere

  • Velocità rilevata con autovelox e telelaser: le vie interessate dai possibili controlli

  • Emergenza smog, tornano le limitazioni strutturali dopo la giornata di sciopero

  • Imprigionato nei meccanismi di una mietitrebbia: tragica morte di un agronomo

Torna su
TorinoToday è in caricamento