Senzatetto morto a Torino, vicesindaco: "Dal Comune attenzione costante"

Il drammatico episodio ha scatenato la polemica sui senzatetto e sui posti letto messi a disposizione dal Comune. Il vicesindaco, tuttavia, rassicura: "L'attenzione è alta"

La morte del clochard, trovato senza vita questa notte in largo Montebello, ha suscitato notevole scalpore, non soltanto da parte dell'arcivescovo Cesare Nosiglia, ma anche nei piani alti delle amministrazioni.

Elide Tisi, vice sindaco di Torino e assessore ai Servizi Sociali si è detta "addolorata e colpita" dalla morte del senzatetto, una persona peraltro conosciuta dai servizi della Città che in diverse occasioni avevano cercato di  prestargli soccorso, soccorso che - pare - l'uomo abbia sempre rifiutato.

La polemica per i posti letto, però, già scoppiata nei mesi scorsi è dietro l'angolo. Troppi i senzatetto negli angoli delle strade, non soltanto in periferia, ma ora anche in pieno centro.

"L'impegno della Città che insieme alle associazioni di volontariato, alla Caritas e alle Parrocchie e alle molte organizzazioni di Terzo Settore mette a disposizione un migliaio di posti letto nei centri di accoglienza notturna torinesi, è sempre molto alto - ha affermato Tisi -. L'attenzione sui casi di persone in condizioni di fragilità, o di disperazione, è costante e coordinato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La folle corsa di due carri-attrezzi a 120 km/h: patenti ritirate ai conducenti, multe per 2.700 euro

  • Investita da un'auto impazzita alla fermata del bus, è in condizioni gravi

  • Omicidio-suicidio nella villetta: marito uccide la moglie con un colpo di balestra e poi si toglie la vita

  • Qualità dell’aria, scatta il livello viola: bloccati tutti i veicoli euro 5

  • Scende dopo lo scontro con un'altra auto e viene investito: morto

  • Emergenza smog: continua lo stop a tutti i veicoli diesel fino agli Euro 5

Torna su
TorinoToday è in caricamento