Bliz Lega contro Islam, Fassino: "L'incontro sulla moda, non con l'Isis"

I consumatori musulmani nel mondo hanno speso in abiti e calzature 266miliardi di dollari nel 2013, l'11,9% della spesa mondiale in questi prodotti. Se questo mercato fosse una nazione, sarebbe la terza nazione del mondo dopo Stati Uniti (494 miliardi di dollari) e Cina (285 miliardi di dollari)

Non si arresta e arriva fino in Parlamento la polemica innescata dai consiglieri della Lega Nord in merito allo spazio per la preghiera islamica allestito in Comune e poi rimosso dagli stessi consiglieri del Carroccio. Un fatto che ha portato all'apertura di un fascicolo in procura e che ora rischia di vedere i politici Ricca e Carbonero indagati per violazione della legge Mancino, inerente alle discriminazioni per motivi razziali.

Il bliz della Lega Nord ha agitato anche gli animi del ministro dell'Interno Angelino Alfano: "Non è pensabile che si impedisca di pregare e che si mettano in atto gesti provocatori che possono scatenare reazioni - ha detto Alfano -. Chi prega non è un nemico ed è da stupidi, oltre che da irresponsabili, pensarlo. Rifiutiamo ogni forma di violenza e abbiamo il dovere di rispettare la Costituzione che prevede la libertà di culto".

Lo spazio di preghiera islamica, di fatto, era stato allestito nella Sala Matrimoni, in occasione della "Turin Modest Fashion", un forum promosso dalla Camera di Commercio di Dubai e dalla Thomson Reuters, con il coinvolgimento di Camera Commercio e Unione Industriale di Torino e la partnership di primarie imprese italiane e internazionali. "I rappresentanti di Paesi arabi e islamici e primari operatori del mondo della moda, italiani ed europei, sono intervenuti in Sala Rossa per confrontarsi e discutere sulla moda, che non è certo scissa dalla dimensione culturale, religiosa e identitaria di popoli e persone, e per offrirsi a un mercato mondiale - ha affermato il sindaco Piero Fassino -. Non sono venuti i rappresentanti dell’Isis".

Per secoli – quando il mondo coincideva con l’occidente – il mondo della moda è stato caratterizzato dalla moda occidentale. Oggi sono cambiati gli scenari, con la globalizzazione e con l’ingresso nel mercato di 3,5 miliardi di persone di altre culture e identità: Cina, India, Indonesia, Paesi arabi e islamici e tanti altri Paesi emergenti. E, così, la comunità internazionale si pone il problema di misurarsi con questa nuova dimensione. I consumatori musulmani nel mondo hanno speso in abiti e calzature 266miliardi di dollari nel 2013, l’11,9% della spesa mondiale in questi prodotti. Se questo mercato fosse una nazione, sarebbe la terza nazione del mondo dopo Stati Uniti (494 miliardi di dollari) e Cina (285 miliardi di dollari). Si stima che nel 2019 questo valore possa raggiungere i 484 miliardi di dollari.

Insomma, lo spazio in Sala Matrimoni, è stato allestito, secono Fassino, col solo intento di fornire ad alcuni ospiti di fede islamica, un luogo di preghiera, a conti fatti utilizzato solo da 8 persone. "Pregare il proprio Dio è un diritto che non si nega a nessuno - ha concluso Fassino -. La preghiera è un atto di pace, non di violenza".

Che si trattasse di un incontro legato all'economia e alla finanza e non strettamente legato alla fede, il richiamo ai fatti di cronaca è saltato subito all'occhio anche, se è opportuno non fare di tutta l'erba un fascio. Per il consigliere Fabrizio Ricca, responsabile insieme a Roberto Carbonero dell'accaduto, il problema è un altro: "La Sala Matrimoni non era il luogo adatto, trattandosi di un contesto laico. Basta ricordare che i dipendenti del Comune non hanno un luogo dove poter pregare. E sarebbe opportuno trovarlo, magari creando una stanza apposita - ha dichiarato Ricca -. E poi, sindaco, dovrebbe ricordarsi che Palazzo Civico è la casa di tutti i torinesi, anche per i luoghi di culto. E non tutti i torinesi sono contenti che si preghi all’interno di Palazzo Civico".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (16)

  • Ma che soldi hanno questi? Se stavano così bene non sarebbero venuti in Italia ma sarebbero rimasti in africa! Magari!!!!ma poi che spendono? Questa e una mossa per prendere voti, come quando è andato alla festa di fine ramadan

  • bisogna avere dei permessi per costruire delle Mosche..... piccolo particolare inessenziale

  • che c'entra ora il Crocifisso??? sul Cristianesimo è fondata l'europa cominciando dall'Italia. dovreste studiare la Storia prima di scrivere certe stupidaggini poi per me sarebbe giusto che i Musulmani avessero una moschea ufficiale, come le nostre chiese cattoliche si trovano per esempio in marocco, a rabat, a Casablanca

  • Leggo: "La Sala Matrimoni non era il luogo adatto, trattandosi di un contesto laico.“... ma allora cosa ci fanno i crocifissi nelle aule scolastiche, ospedali e tribunali ?? Anche quelle sono un contesto laico !!

  • Avete votato un personaggio che ha contribuito a fare fallire due repubbliche...pensavate fosse un genio? Comunque ha capito che esistono molti idioti a Torino. Infatti ha vinto, proprio scemo non è!

  • Peccato che Fassino non sa che il matrimonio in comune e' Laico e non religioso ed il comune non dovrebbe essere di parte. Sabato viene il Sindaco di Nagoya Giappone (pagando lui la festa per il gemellaggio) Fassino non lo incontra nemmeno e delega il vice perché non e' interessato all'amicizia con il Giappone (e i Giapponesi spendono di piu' per la moda) e non penso che allestisca una sala Shintoista e una Buddista per la delegazione, nel caso volessero pregare

  • ed in piu' non ho mai visto concedere una sala del comune a italiani cristiani per pregarci dentro o quant'altro gratis sopratutto.

  • visto che hanno tutti questi soldi,per comprare vestiti e belle macchine viste famiglie intere di musulmani qui a cattolica scendere da mercedes,bmw ecc.... macchine che manco noi italiani riusciamo piu' permetterci,almeno io come tanti manco una schifosa fiat punto puo piu' permettersi. costruiscano con loro soldi delle moschee o centri islamici a spese tutto carico loro,cosi daranno lavoro anche alle imprese italiane.

  • Oh pardon Fassino . . . non si era capito . . . che ci vuoi fare, siamo razzisti ignoranti e senza cervello! Perciò, tutti giù i pantaloni e in ginocchio . . . MA NON PER PREGARE! Adesso è per la MODA . . .

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Fuga a tutta velocità e in parte contromano a bordo del furgone rubato: un arrestato

  • Attualità

    Il primo palazzo in legno in costruzione a Torino: ecco dove

  • WeekEnd

    Tempo libero, cosa fare a Torino e dintorni il 17 e 18 novembre

  • Cronaca

    Targhe vere dentro l’abitacolo, quelle false applicate all’auto: conducente denunciato

I più letti della settimana

  • La rotonda è un delirio, traffico bloccato in gran parte della città

  • Pasticceri e pasticcerie migliori di Torino, i premi del Gambero Rosso

  • Sciopero di 24 ore dei mezzi pubblici, disagi in città: le informazioni utili

  • Scontro frontale sulla provinciale: due auto distrutte, morto uno dei conducenti

  • Cadavere di un ragazzino vicino ai binari: bloccata la ferrovia

  • Addio a Cosimo il panettiere: un grande lavoratore che lascia moglie e due figli

Torna su
TorinoToday è in caricamento