Preso il piromane dei cassonetti, ai carabinieri: “Non riuscivo a fermarmi”

“Non riuscivo a fermarmi, ho appiccato tutti quegli incendi spinto da un impulso irrefrenabile”, così il piromane fermato dai carabinieri colpevole di diversi incendi a Strambino, in provincia di Torino, che hanno destato particolare allarme tra i cittadini

Il piromane di Strambino in azione

Dallo scorso marzo e fino a pochi giorni fa a Strambino i cittadini hanno vissuto in balia di un piromane che ha colpito diverse volte in zone centrali e sensibili della città. Incendi appiccati sia di giorno che di notte a molti cassonetti dei rifiuti vicini a scuole, asili, banche e studi medici. Le indagini dei carabinieri hanno portato all’individuazione del responsabile e alla sua denuncia.

Il piromane è un operaio di 43 anni residente proprio a Strambino. “Non riuscivo a fermarmi, ho appiccato tutti quegli incendi spinto da un impulso irrefrenabile”, ha detto l’uomo agli investigatori ammettendo le sue responsabilità dopo essere stato fermato in seguito all’ultimo incendio risalente al 6 novembre scorso.

I militari dell’Arma sono riusciti a risalire a lui grazie anche alla visione dei filmati delle videocamere di sorveglianza poste nei pressi di alcuni incendi appiccati dall’operaio. E’ stato denunciato a piede libero per il reato di incendio alla Procura di Ivrea.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • Benessere psicologico: 5 comportamenti virtuosi per avere una vita più serena

  • In corto la presa dell'albero di Natale: appartamento distrutto da un incendio, salvati mamma e bimbi

Torna su
TorinoToday è in caricamento