Piero Angela torinese onorario, il Comune approva all’unanimità

Il grande giornalista e divulgatore scientifico riceve la cittadinanza onoraria nel Comune in cui è nato

Piero Angela è da ieri cittadino onorario di Torino, la città in cui è nato e cresciuto e che ha lasciato per diventare quello che oggi tutti conosciamo e ammiriamo, un esempio di giornalismo e di divulgazione scientifica. La mozione del consigliere Massimo Giovara (M5S) è stata approvata ieri dal Consiglio Comunale con un voto all’unanimità (30 voti favorevoli su 30 consiglieri presenti).

Nato il 22 dicembre 1928 a Torino, è nella nostra città che Piero Angela è cresciuto e si è formato, studiando nei licei classici Massimo d’Azeglio e Vittorio Alfieri. Figlio del medico Carlo Angela, che durante la seconda guerra mondiale aveva aiutato molti ebrei a sfuggire alle persecuzioni, Piero abbandonò presto la carriera di musicista jazz quando fu assunto nel 1952 alla Rai, prima per il radiogiornale e poi per il telegiornale dopo il 1954.

La passione per la divulgazione scientifica è nata negli anni ’60, quando realizzò una serie di documentari sulle prime missioni spaziali, ma è dagli anni ’70 che Piero Angela è diventato sinonimo di cultura in televisione, grazie a programmi come Quark, diventati fenomeni di culto.

“Per la lunga e autorevole carriera professionale trascorsa a incrementare la cultura e la conoscenza degli italiani, anche attraverso il mezzo televisivo, Piero Angela è la conferma vivente della tradizione scientifica della città di Torino”  si legge nella nota ufficiale del Comune di Torino.

“Riconosciuto come il più rilevante e prestigioso divulgatore scientifico della storia della radio e della televisione nazionale, dal 1968 Piero Angela si occupa di realizzare trasmissioni televisive, sotto forma di documentario, volte all’informazione di carattere scientifico. Nel 1981 ha ideato – e da allora conduce “Quark”, la prima trasmissione originale di divulgazione scientifica rivolta a un pubblico generalista, che – in modo efficace e immediato – riesce a spiegare agli spettatori concetti complessi, senza banalizzarli. Sin dalla metà degli anni 80 del secolo scorso è tra i primi a porre l'accento sui problemi legati al clima, all'atmosfera e agli oceani, con una diretta televisiva dal palazzetto dello sport di Torino”.

E il comunicato ufficiale conclude: “Infine, per l’impegno profuso in tutti questi anni nello svolgere una funzione pubblica di straordinario valore culturale ed educativo nel campo della scienza, la mozione esprime a Piero Angela la gratitudine della Città di Torino. Città dove ha iniziato la carriera di giornalista, prima in radio e poi in televisione, dove hanno preso avvio le prime sperimentazioni delle trasmissioni televisive e dove – negli studi Rai – vengono realizzati programmi quali Superquark e Ulisse, entrambe ideati da Piero Angela”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tifosa non passa inosservata, ripresa dalle telecamere allo Stadium: ora ha migliaia di followers

  • Scontro auto-ambulanza all'incrocio: sei persone rimaste ferite

  • Shopping, 3 tonnellate di vestiti in vendita "al chilo": l'evento per due giorni a Torino

  • Arriva l'inverno: prima neve in città e brusco calo delle temperature

  • Paura al campo di calcio: bambino di 8 anni si accascia al suolo mentre gioca la partita

  • Marito e moglie investiti da un'auto mentre attraversano la strada

Torna su
TorinoToday è in caricamento