Picchia la moglie con un manico di scopa, poi la ricatta per raccontare il falso

Il marito, 59 anni è stato arrestato all'ospedale Gradenigo dopo che i sanitari hanno accertato che la donna, 51 anni, non poteva essere caduta

L'ospedale Gradenigo

Ha picchiato la moglie con un manico di scopa, poi l'ha accompagnata all'ospedale Gradenigo minacciandola: "Se lo racconti pagheranno i nostri figli". La donna così aveva provato a dire di essere caduta da sola mentre faceva i lavori di casa, ma le ferite che aveva mal si conciliavano con una dinamica di questo tipo.

E' avvenuto mercoledì 17 maggio 2017, quando i carabinieri, chiamati dal personale medico che si è insospettito per il comportamento della coppia, sono intervenuti e hanno arrestato l'uomo, un egiziano di 59 anni, con l'accusa di maltrattamenti in famiglia.

La vittima è una sua connazionale di 51 anni, che ha riportato una prognosi di un mese. Ai militari dell'Arma ha raccontato che le violenze e i soprusi andavano avanti da diversi anni, sempre sotto il ricatto del rivalersi sui bambini che ha la coppia, residente a pochi passi dalla Mole Antonelliana.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra 3 auto, una vettura in una scarpata: due morti e quattro feriti

  • Carni e pesci in condizioni disastrose nel freezer: denuncia e maxi-multa al titolare di un ristorante

  • Serata di inferno sotto la pioggia in tangenziale: due incidenti, un morto e quattro feriti

  • Il Comune di Torino assume: 238 nuovi dipendenti entro la primavera 2020

  • Uomo ucciso a colpi d'arma da fuoco: assassino armato in fuga nei boschi

  • Treno travolge un'auto al passaggio a livello: veicolo trascinato per 50 metri, una persona tra le lamiere

Torna su
TorinoToday è in caricamento