Picchia la moglie con un manico di scopa, poi la ricatta per raccontare il falso

Il marito, 59 anni è stato arrestato all'ospedale Gradenigo dopo che i sanitari hanno accertato che la donna, 51 anni, non poteva essere caduta

L'ospedale Gradenigo

Ha picchiato la moglie con un manico di scopa, poi l'ha accompagnata all'ospedale Gradenigo minacciandola: "Se lo racconti pagheranno i nostri figli". La donna così aveva provato a dire di essere caduta da sola mentre faceva i lavori di casa, ma le ferite che aveva mal si conciliavano con una dinamica di questo tipo.

E' avvenuto mercoledì 17 maggio 2017, quando i carabinieri, chiamati dal personale medico che si è insospettito per il comportamento della coppia, sono intervenuti e hanno arrestato l'uomo, un egiziano di 59 anni, con l'accusa di maltrattamenti in famiglia.

La vittima è una sua connazionale di 51 anni, che ha riportato una prognosi di un mese. Ai militari dell'Arma ha raccontato che le violenze e i soprusi andavano avanti da diversi anni, sempre sotto il ricatto del rivalersi sui bambini che ha la coppia, residente a pochi passi dalla Mole Antonelliana.

Potrebbe interessarti

  • Pesche alla piemontese: un dolce estivo, leggero, veloce e facile da preparare

  • Il Farò di San Giovanni, speriamo che la pira caschi dalla parte giusta!

  • Il gelato secondo i torinesi: dibattito aperto alla ricerca della gelateria preferita

  • Le migliori vinerie: dove comprare il vino sfuso a Torino

I più letti della settimana

  • Il destino è stato più veloce di Luigi, che era appena diventato papà di una bambina

  • Morto in casa da giorni, i suoi cani sbranano il corpo

  • Tragedia nel cortile: bimba piccola investita dall'auto della mamma, morta

  • Alimenti putrefatti, blatte, scarafaggi ed escrementi: chiuso il panificio-pasticceria

  • Meteo: addio ai temporali, arriva il super caldo

  • Brutto incidente con due auto fuori strada, cinque feriti tra cui due minorenni

Torna su
TorinoToday è in caricamento