“Non uccidete le tigri di Pinerolo”, petizione partita su Facebook

Animal Amnesty Italia, ha lanciato su Fb, tramite il sito Avaaz.org, che è la più grande ed efficace comunità online di campagne per il cambiamento, un appello accorato per salvare le tigri di Pinerolo

Animal Amnesty Italia, ha pubblicato ieri, tramite la famosa comunità online Avaaz.org, dedita proprio  a sostenere le campagne per il cambiamento,  una petizione per non uccidere le tigri di Pinerolo.

Nel testo che è stato pubblicato, oltre a raccontare l'accaduto, si chiede espressamente al popolo della rete di firmare, affinchè la tigre Samir colpevole dell'uccisione del custode, non venga uccisa. Animal Amnesty Italia sostiene che l'animale non è un' omicida così come le sue “compagne”, ma soltanto un essere vivente che ha reagito spinto dalla sua natura selvatica, e dal fatto di aver vissuto una vita intera in prigione, lontana dal suo habitat naturale.

Per firmare la petizione bisogna registrarsi al sito in questione. Ad ora le firme raccolte sono: 3.444 firme, con l'obiettivo di raggiungere in breve tempo le 5.000 richieste dall'associazione.

Potrebbe interessarti

  • Bevute eccessive: gli effetti immediati, il post-sbornia, i rimedi

  • I pericoli in mare e in piscina: l’acqua alta e la congestione

  • Peperoncino: tutti i rimedi al bruciore

  • Cantinetta del vino, come sceglierla: modelli e costi

I più letti della settimana

  • Ragazza arriva in ospedale per un trapianto di cuore, ma i medici salvano il suo

  • Tragedia nel condominio: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Muore otto giorni dopo l'incidente: era troppo debole, non ce l'ha fatta

  • Scontro frontale tra moto e auto: due centauri sbalzati via per diversi metri, sono gravi

  • Marito uccide la moglie con una lima da modellismo, dopo qualche ora si costituisce

  • Viene travolta da un'auto mentre attraversa la strada: è grave in ospedale

Torna su
TorinoToday è in caricamento