Dopo la lite raggiunge la convivente a casa dei nonni, sfonda la porta e danneggia le auto

La coppia abita a Robassomero, lei era fuggita a Barriera di Milano. Per il 26enne, trovato ubriaco, le accuse sono molte

immagine di repertorio

Dopo una lite con la convivente per cui lei era andata via di casa l'ha raggiunta dai suoi nonni e ha sfondato la porta dell'abitazione dove si era rifugiata. Al rifiuto della donna, lui è salito sulla sua auto e ha speronato le auto dei parenti e, tornato a casa, si è accanito contro il motorino della donna.

L'episodio è avvenuto venerdì 6 gennaio e si è concluso con l'arresto dell'uomo, un italiano di 26 anni residente a Robassomero, dove il giorno prima era avvenuto il litigio.

I carabinieri della compagnia di Venaria Reale, che sono intervenuti a Torino nel quartiere Barriera di Milano e poi anche nel paese di residenza della coppia, lo accusano di danneggiamento, maltrattamenti in famiglia, atti persecutori e guida in stato di ebbrezza. Quando i militari dell'Arma sono intervenuti lui era completamente ubriaco. Gli è stata ritirata anche la patente.

Una volta arrestato, la donna ha raccontato che i maltrattamenti andavano avanti da due anni e mezzo e che non erano mancati, da parte dell'uomo, pedinamenti e ripetute telefonate.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carni e pesci in condizioni disastrose nel freezer: denuncia e maxi-multa al titolare di un ristorante

  • Scontro tra 3 auto, una vettura in una scarpata: due morti e quattro feriti

  • Il Comune di Torino assume: 238 nuovi dipendenti entro la primavera 2020

  • Uomo ucciso a colpi d'arma da fuoco: assassino armato in fuga nei boschi

  • Aeroporto Torino, Air France lancia il volo per New York a un prezzo stracciato

  • Treno travolge un'auto al passaggio a livello: veicolo trascinato per 50 metri, una persona tra le lamiere

Torna su
TorinoToday è in caricamento