Permesso di soggiorno non rinnovato perché guadagna troppo poco: "Sono inserite, devono restare qui"

Provvedimento ribaltato dal Tar

immagine di repertorio

Il tribunale amministrativo regionale (Tar) del Piemonte ha permesso a una donna nigeriana di 43 anni e a sua figlia di 11 anni, residenti a Torino, di restare in Italia nonostante la questura non avesse rinnovato loro il permesso di soggiorno per ragioni di reddito. Dopo la sentenza, pronunciata a inizio marzo 2019, la donna potrà presentare una nuova domanda per poter rimanere nel nostro Paese.

Il 16 maggio 2017 madre e figlia si erano viste respingere la richiesta di prolungamento del permesso in quanto "le banche dati dell'Agenzia delle Entrate e dell’Inps" avrebbero evidenziato "che la signora non dispone dal 2008 del reddito previsto per la regolare permanenza sul territorio". In sostanza, è troppo povera per rimanere qui.

La madre aveva deciso di rivolgersi all'avvocato Nicoletta Masuelli e di presentare ricorso, impugnando il provvedimento che quindi è rimasto sospeso. Del resto aveva sempre lavorato: parrucchiera porta a porta, cameriera in alberghi, badante. Pochi soldi con cui però riusciva a tirare avanti.

Il Tar, però, ha stabilito che, nel concedere i permessi di soggiorno, "il questore deve effettuare un attento bilanciamento di tutti gli interessi in gioco, anche la condizione sociale e familiare", come aveva richiesto il legale. "Sua figlia - spiegano i giudici - è nata in Italia e vive qui da sempre, frequenta la scuola dell'obbligo con normale profitto scolastico e non avrebbe grandi prospettive di inserimento in Nigeria". In sostanza, si tratta di una famiglia inserita qui e che quindi deve rimanere qui.

Potrebbe interessarti

  • La salute prima delle vacanze, boom di check-up al Koelliker

  • Medusa, rimedi anti puntura: gli errori da non commettere mai

  • San Lorenzo a Torino: i posti migliori per ammirare le stelle cadenti

  • Bevute eccessive: gli effetti immediati, il post-sbornia, i rimedi

I più letti della settimana

  • Tragedia nella caserma degli alpini: militare trovato impiccato alla tromba delle scale

  • Seconda giornata di maltempo: la tromba d'aria si sposta, altri danni

  • Bomba d’acqua nella cintura sud-est di Torino: tetti scoperchiati, allagamenti e alberi caduti

  • Muore otto giorni dopo l'incidente: era troppo debole, non ce l'ha fatta

  • Due auto e una moto si scontrano: feriti i tre conducenti, strada chiusa

  • L'auto sbanda, va contro il guardrail poi finisce fuori strada: morti marito e moglie

Torna su
TorinoToday è in caricamento