Sparatoria al distributore di corso Taranto: il benzinaio è fuori pericolo

Lo scorso 1° maggio lo stesso distributore di benzina aveva già subito un tentativo di rapina

E' cosciente e sta meglio Paolo Sarra, il benzinaio torinese che sabato 6 maggio, nel tentativo di una rapina a suo danno, è stato ferito a una gamba da un proiettile. L'uomo, dopo l'aggressione, è stato ricoverato all'ospedale San Giovanni Bosco nel reparto di chirurgia vascolare dove è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico all'arteria femorale.

Le sue condizioni sono in recupero anche se il personale medico non ha ancora sciolto la prognosi. L'uomo ha ammesso di aver subìto un grande spavento e raccontando la sua storia, ha sottolineato che "al 99% si trattava di italiani e potrebbero essere gli stessi che all'inizio di maggio hanno minacciato mio figlio". 

Proprio il 1°maggio infatti lo stesso distributore di benzina che si trova in corso Taranto al numero civico 130, aveva subito un altro tentativo di rapina. In entrambi i casi sembra non sia stato rubato nulla. Sui fatti indagano i carabinieri. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Ambulante positivo al coronavirus va al mercato a vendere frutta e verdura: denunciato

  • Clienti in coda davanti alla gelateria, scatta la multa. "Ma non posso fare il vigile"

  • Tragedia nel bosco: ragazzina di 16 anni trovata impiccata a un albero

  • "L'abbraccio tricolore" delle Frecce, lo spettacolo nel cielo di Torino: foto e video

  • Uccide una donna a colpi di pistola nel piazzale del supermercato, poi si costituisce

Torna su
TorinoToday è in caricamento