Amianto a Palazzo Nuovo, rinviata ancora l'apertura del secondo piano

Sebbene la storica sede delle facoltà umanistiche di Torino riapra il primo piano lunedì prossimo, non aprirà invece in tempo le aule per l'inizio delle lezioni

 Palazzo Nuovo non riuscirà ad aprire le sue aule in tempo per l'inizio delle lezioni. La storica sede delle facoltà umanistiche dell'Università di Torino, chiusa dallo scorso aprile per la presenza di amianto e per consentire i lavori di bonifica, aprirà  lunedì 21 settembre ma saranno agibili solo la biblioteca Tabacco, l'atrio e tre aule al primo piano.

L'apertura di tutte quelle restanti invece, che in origine era prevista per il 28 di settembre - cioè il giorno di inizio delle lezioni -, slitterà di due o forse tre settimane a causa di un ritardo nella consegna del cantiere.

"Le lezioni non sono a rischio - assicurano dall'Ateneo - . Nel frattempo, gli universitari e i professori saranno accolti in locali vicini a Palazzo Nuovo, come già si era provveduto a fare a maggio e giugno". La situazione nel giro di una ventina di giorni dovrebbe tornare alla normalità ma ulteriori aggiornamenti arriveranno dall'assemblea di giovedi con il rettore Gianmaria Ajani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Consultori: indirizzi e orari a Torino

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • Perde il controllo dello scooter e si schianta: morto in ospedale

  • Divampa un incendio nel suo appartamento, donna muore intossicata

  • "Intesa Sanpaolo è nuda", gli Extinction Rebellion si spogliano davanti al grattacielo

  • Perde il controllo dell'auto che si ribalta a lato della carreggiata: grave il conducente

Torna su
TorinoToday è in caricamento