Traffico internazionale di droga tra Italia e Olanda: 27 arresti

Operazione nella notte della Guardia di Finanza di Torino. Il denaro - secondo le indagini - veniva reinvestito in circoli ricreativi, solarium e altre attività lecite in provincia di Torino

La Guardia di Finanza ha messo fine a un traffico internazionale di sostanze stupefacenti fra l'Olanda e l'Italia: nell'operazione scattata nella notte e ancora in corso nelle prime ore della mattina 27 persone sono state arrestate e sono stati sequestrati 280 chili di hashish, marijuana e cocaina. Oltre 30 le perquisizioni.

Le persone sono finite in manette in Piemonte e in Olanda, a Helmond, dove la Polizia di Brabant ha fermato una persona. Fra gli arrestati ci sono rappresentanti di commercio, gestori di un centro scommesse e un cassintegrato. Il denaro - secondo le indagini delle Fiamme Gialle - veniva reinvestito in circoli ricreativi, solarium e altre attività lecite, soprattutto in provincia di Torino. In una delle intercettazioni fatte dalla Guardia di Finanza, due trafficanti non si fanno scrupoli a immettere sul mercato una partita di droga che si era bagnata e che, pertanto, era diventata di cattiva qualità e più dannosa.

Nell'operazione, denominata "Naxos", sono stati impegnati oltre cento finanzieri del Comando Provinciale di Torino che hanno eseguito ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal Gip del capoluogo piemontese su richiesta della Procura della Repubblica per traffico internazionale di sostanze stupefacenti. E' stata sequestrata una pistola e sono state denunciate 54 persone.

La Guardia di Finanza ha scoperto che l'organizzazione era in grado di trafficare fino a 50 chili di droga a settimana. Le Fiamme Gialle hanno anche scoperto 60 chili di hashish nascosti in un garage intestato ad un prestanome. Secondo la Guardia di Finanza, il gruppo da anni gestiva il traffico internazionale di droga proveniente dall'Olanda e destinata al mercato torinese attraverso corrieri, tutti arrestati. Durante le indagini è stata intercettata una telefonata nella quale due trafficanti, poi arrestati, discutevano delle modalità di vendita di una partita di droga "annacquata", in quanto bagnata dalla pioggia durante il trasporto, abbassando il prezzo da 3,50 a 3,20 euro al grammo. (ANSA)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Da domani la strada sarà piena di veleno per i vostri cani" e i residenti insorgono sul web

  • Doppia scossa di terremoto a mezz'ora l'una dall'altra: avvertite dalla popolazione

  • Scontro violento fra auto: i vigili del fuoco estraggono due ragazze dalle lamiere

  • Velocità rilevata con autovelox e telelaser: le vie interessate dai possibili controlli

  • Emergenza smog, tornano le limitazioni strutturali dopo la giornata di sciopero

  • Imprigionato nei meccanismi di una mietitrebbia: tragica morte di un agronomo

Torna su
TorinoToday è in caricamento