Lavoravano di notte e in nero in fabbrica, ma per l'Inps erano in malattia

Il fatto a Lanzo, in una ditta che produce sacchetti e guanti di plastica

Lavoravano di notte e in nero in fabbrica per eludere i controlli dell’Inps, e di tutto questo l’ente era completamente all’oscuro. I certificati di malattia, infatti, raccontavano un’altra versione: spiegando che gli operai non potevano recarsi al lavoro.

Il fatto a Lanzo torinese, in una ditta che produce sacchetti e guanti di plastica per la grande distribuzione. A scoprire la truffa, dopo otto mesi di indagine, è stata la guardia di finanza che ha denunciato i due fratelli titolari dell’azienda.

Le persone su cui la Gdf sta effettuando le verifiche sono 25, italiani e rumeni irregolari. Di questi 13 in nero, gli altri assunti ma con compensi fuori busta paga. Oppure dati per malati. L’azienda ha ricevuto una sanzione di 740mila euro.

Potrebbe interessarti

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

  • Il Barbecue perfetto:  6 regole fondamentali

  • Come combattere la piaga dei punti neri

  • Bagnet verd, la tipica salsa piemontese: assaggiatela coi tumin

I più letti della settimana

  • Autocisterna travolge bici, ragazza resta schiacciata sotto le ruote: morta

  • Scendono a cambiare la gomma a terra, passa un'auto e li travolge: due morti e un ferito

  • Tragedia nella notte: ucciso un uomo dopo un violento litigio

  • Addio a Sabino, una roccia sul ring e un papà dolcissimo

  • Caos in coda al concerto di Eros: 700 fan costretti a rimanere fuori

  • Accende il gas per preparare il caffé e la cucina esplode: ustionata una torinese

Torna su
TorinoToday è in caricamento