Lavoravano di notte e in nero in fabbrica, ma per l'Inps erano in malattia

Il fatto a Lanzo, in una ditta che produce sacchetti e guanti di plastica

Lavoravano di notte e in nero in fabbrica per eludere i controlli dell’Inps, e di tutto questo l’ente era completamente all’oscuro. I certificati di malattia, infatti, raccontavano un’altra versione: spiegando che gli operai non potevano recarsi al lavoro.

Il fatto a Lanzo torinese, in una ditta che produce sacchetti e guanti di plastica per la grande distribuzione. A scoprire la truffa, dopo otto mesi di indagine, è stata la guardia di finanza che ha denunciato i due fratelli titolari dell’azienda.

Le persone su cui la Gdf sta effettuando le verifiche sono 25, italiani e rumeni irregolari. Di questi 13 in nero, gli altri assunti ma con compensi fuori busta paga. Oppure dati per malati. L’azienda ha ricevuto una sanzione di 740mila euro.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carni e pesci in condizioni disastrose nel freezer: denuncia e maxi-multa al titolare di un ristorante

  • Giovane si toglie la vita sparandosi un colpo di pistola

  • Il Comune di Torino assume: 238 nuovi dipendenti entro la primavera 2020

  • Aeroporto Torino, Air France lancia il volo per New York a un prezzo stracciato

  • Uomo ucciso a colpi d'arma da fuoco: assassino armato in fuga nei boschi

  • Treno travolge un'auto al passaggio a livello: veicolo trascinato per 50 metri, una persona tra le lamiere

Torna su
TorinoToday è in caricamento