I candidati regionali arrivano al Campus e gli studenti occupano l'aula

"Meno spazi virtuali, più spazi reali": l'obiettivo degli studenti che hanno invaso l'aula magna del Campus di Lungodora Siena è evitare che la struttura abbia spazi privati

"Abbiamo occupato l'aula perchè abbiamo bisogno di spazi per studiare". Si sono giustificati così gli studenti del Campus universitario di Lungodora Siena che nella giornata di oggi hanno invaso l'aula magna del complesso nella quale si stava svolgendo un comizio tra i candidati alla presidenza della Regione.

Fuori dal Campus albergava uno striscione: "Meno spazi virtuali, più spazi reali", a testimonianza di quello che è accaduto agli studenti in questi giorni. Sì, perchè tutti gli spazi che erano rimasti aperti allo studio durante HackuniTo, sono poi stati sprangati e diventati inaccessibili dopo la fine dell'iniziativa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'aula in cui si svolgeva il comizio dei candidati alla Regione era il punto di riferimento delle iniziative di HackunTo ed è per questo che è stata occupata. Un'occupazione pacifica che non è sfociata in nessuna tensione, anche perchè l'obiettivo degli studenti è un altro: evitare che la struttura diventi privata e renderla fruibile per tutti i frequentatori dell'università.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • Colto da raptus, devasta il dehor del bar con un bastone: panico tra i turisti

  • Accoltella alla schiena un uomo seduto su una panchina: arrestato per tentato omicidio

  • Apre la finestra, va sul balcone e si getta nel vuoto dal secondo piano: donna morta

  • Chiuse in casa e costrette a prostituirsi "altrimenti diffondiamo i video": tre ragazze liberate

  • Bimbo di un anno e mezzo cade nella piscina gonfiabile di casa: morto dopo tre giorni

Torna su
TorinoToday è in caricamento