Nubifragi estivi, la Regione chiede di riconoscerne l'eccezionalità

La Regione Piemonte chiede allo Stato di riconoscere l'eccezionalità degli eventi atmosferici che interessarono il territorio durante l'estate 2013

L'estate 2013 di sicuro verrà ricordata come una di quelle più piovose: ma saranno i nubifragi che si sono abbattuti su Torino e Provincia, specialmente quelli del 29 luglio e del 24 agosto, a lasciare un segno nella memoria. Torino nella prima occasione fu spazzata da raffiche di vento eccezionali, con una pioggia fittissima che allagò strade e piazze, abbattendo alberi e facendo crollare alcuni cornicioni. Il 24 agosto fu la volta della grandine, che danneggiò specialmente la prima cintura.

La Regione Piemonte, per questi eventi, chiederà al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali di riconoscere l'eccezionalità dei nubifragi che si sono abbattuti in quelle occasioni. "E' stata riscontrata un'oggettiva impossibilità di stipulare polizze assicurative da parte degli imprenditori agricoli - afferma infatti l'assessore regionale, Claudio Sacchetto - La Regione chiede al Ministero il riconoscimento dell'eccezionalità del maltempo e l'attivazione del Fondo di Solidarietà Nazionale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Scontro frontale sul rettilineo: auto distrutte, morti entrambi i conducenti

  • L'ex miss Italia e madrina di Torino 2006 investita: necessario intervento al naso

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • In tribuna allo Stadium, occhiali rotti e ferita allo zigomo per una pallonata

Torna su
TorinoToday è in caricamento