Museo del Cinema, manca l'accordo per il nuovo direttore ed è caos

Leon: "Servono due direttori: uno amministrativo e uno artistico". Chiamparino: "Rispettare il bando o aprirne un altro"

Il Museo del Cinema

Non c'è accordo fra Comune e Regione per la nomina del nuovo direttore del Museo nazionale del Cinema di Torino e gli effetti sono dirompenti anche nel consiglio direttivo. Dopo Massimo Sordella, presente in quota Gtt, ha presentato le dimissioni anche Monica Cacciapuoti di Fondazione Crt.  Il caos è scoppiato lunedì 12 dicembre  a proposito della scelta sul successore di Alberto Barbera, il cui incarico scadrà a fine mese.

Mentre la Regione spinge su Alessandro Bianchi, già segretario della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo e del Maxxi di Roma, che ha partecipato alla selezione effettuata dalla Praxi e prevista dal bando per l'incarico, il Comune lo ritiene troppo vicino al Pd e propone di avviare un percorso con la nomina di un direttore amministrativo, da individuare tra le professionalità che già lavorano per il Museo, per poi scegliere il direttore artistico soltanto in un secondo momento.

"Non abbiamo avanzato dei nomi - ha detto l'assessora alla Cultura del Comune, Francesca Leon - , ma un metodo che speravamo potesse essere condiviso. A nostro avviso occorre disgiungere la funzione di direttore amministrativo da quella di direttore artistico-scientifico".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Scontro frontale sul rettilineo: auto distrutte, morti entrambi i conducenti

  • L'ex miss Italia e madrina di Torino 2006 investita: necessario intervento al naso

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • In tribuna allo Stadium, occhiali rotti e ferita allo zigomo per una pallonata

Torna su
TorinoToday è in caricamento