Noasca, escursionista francese scivola sulle rocce e muore

La donna stava facendo canyoning quando è precipitata per circa 15 metri, sbattendo violentemente sui massi

Una donna francese di 48 anni, ieri, ha perso la vita mentre praticava canyoning - una pratica sportiva che prevede la discesa dei corsi d'acqua con tecniche alpinistiche - nel Rio Noaschetta, in Valle Orco. Dopo l'alpinista di Chiaverano morto sul Monte Rosa dunque, un'altra tragedia in montagna.

La scalatrice, mentre cercava un passaggio di risalita, potrebbe essere scivolata facendo un volo di oltre 15 metri e sbattendo sulle rocce viscide del vallone. Quando i tecnici del soccorso alpino di Ceresole e Locana, si sono calati dall'elicottero per raggiungerla, per lei non c'era già più nulla da fare.

Insieme alla donna altri due scalatori: uno, quello che ha anche dato l'allarme al 118, è rimasto illeso, l'altro - ferito - ha avuto bisogno dell'aiuto degli operatori del soccorso alpino. Nelle operazioni di recupero del corpo della donna sono intervenuti, in acqua, anche i tecnici di Forra.

Le esatte dinamiche dell'incidente al momento sono al vaglio dei carabinieri di Ivrea ma secondo i primi accertamenti la donna, durante la scalata, potrebbe aver commesso un errore, causa poi della sua caduta. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si lancia dal settimo piano del palazzo: morto

  • Trasporto pubblico locale, in arrivo una giornata di sciopero: possibili disagi

  • Auto si schianta contro un muro: donna morta sul colpo

  • Offerte di lavoro e stage alla Magneti Marelli: le posizioni aperte 

  • Suv si schianta contro un muretto: dopo gli accertamenti scatta il sequestro del veicolo  

  • Incidente di cantiere: autostrada chiusa in un senso, previsione riapertura in 48-72 ore

Torna su
TorinoToday è in caricamento