Condannate le dimostrazioni No Tav dai giudici del Riesame

Sono state rilasciate quest'oggi le due attiviste No Tav arrestate lo scorso 9 settembre. I giudici del Tribunale del Riesame condannano alcune manifestazioni No Tav, in quanto sono "fonte di grave allarme sociale"

Scarcerate oggi Marianna Valenti e Elena Garberi

Nella sentenza del Tribunale del Riesame di Torino, riguardo la scarcerazione di Marianna Valenti, i giudici hanno condannato le dimostrazioni No Tav in Valle di Susa, in quanto sono "fonte di grave allarme sociale". "L'odierna indagata - si legge - è gravemente indiziata di un reato che, per le circostanze di tempo e di luogo, costituisce fonte di grave allarme sociale". "Le manifestazioni No Tav - prosegue il documento - sono balzate spesso, negli ultimi tempi, agli onori della cronaca per essere state teatro di violenti scontri con le forze dell'ordine, degenerando spesso in danneggiamenti, violenze e aggressioni anche gravi".

I giudici non condannano la manifestazione in sé, in quanto questo è anche un diritto difeso dalla costituzione "purché resti contenuto nei limiti della civiltà e del rispetto per l'incolumità altrui". Nel caso specifico, i giudici affermano che Marianna Valenti, pur avendo sostenuto di voler prendere parte a "una passeggiata pacifica" contro il Tav, ha scagliato pietre contro le forze dell'ordine invece di "allontanarsi e dissociarsi" alla prima carica.

(ANSA)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Perde il controllo dell'auto, colpisce un'altra macchina e finisce contro il muro: due feriti

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • Benessere psicologico: 5 comportamenti virtuosi per avere una vita più serena

Torna su
TorinoToday è in caricamento