'Ndrangheta nel Canavese: maxi-sequestro di beni a un esponente della 'locale' di Cuorgné

L'operazione è stata eseguita dalla Dia di Torino su decreto del tribunale: tra i beni anche due ville a Prascorsano

immagine di repertorio

Sequestrati beni per un milione di euro a Salvatore Racco, 41 anni, ritenuto esponente della 'locale' di 'ndrangheta di Cuorgné.

L'operazione è stata effettuata dagli agenti della Direzione investigativa antimafia di Torino, che ha eseguito un decreto emesso dal tribunale. Racco è stato già condannato in via definitiva a cinque anni e cinque mesi di reclusione per associazione mafiosa, sequestro di persona e detenzione di armi. Dopo la condanna era fuggito a Santo Domingo per 9 mesi circa e si era costituito nel novembre 2015.

La misura odierna accoglie la proposta del direttore della Dia, Nunzio Antonio Ferla, dopo un’approfondita indagine patrimoniale che ha portato alla luce il reinvestimento di denaro di provenienza illecita in ambito immobiliare. Tra i beni confiscati, tutti di proprietà o riconducibili a Racco, ci sono due ville a Prascorsano.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carni e pesci in condizioni disastrose nel freezer: denuncia e maxi-multa al titolare di un ristorante

  • Scontro tra 3 auto, una vettura in una scarpata: due morti e quattro feriti

  • Il Comune di Torino assume: 238 nuovi dipendenti entro la primavera 2020

  • Uomo ucciso a colpi d'arma da fuoco: assassino armato in fuga nei boschi

  • Aeroporto Torino, Air France lancia il volo per New York a un prezzo stracciato

  • Treno travolge un'auto al passaggio a livello: veicolo trascinato per 50 metri, una persona tra le lamiere

Torna su
TorinoToday è in caricamento