Abbandona la carcassa del suo cane nel bosco: viene identificata e multata di 600 euro

Grazie al microchip

immagine di repertorio

Una torinese di 42 anni è stata multata dalla polizia locale di Lanzo Torinese ieri, venerdì 8 marzo 2019, per avere abbandonato la carcassa del suo cane, un bulldog di una quindicina di anni, avvolta in un asciugamano nei boschi della zona del Ponte del Diavolo. Il veterinario ha confermato che era morto per cause naturali.

Avvisati dagli attivisti della Lida (Lega italiana dei diritti dell'animale), gli agenti hanno scoperto la proprietaria tramite il microchip dell'animale e lei ha ammesso tutto. "Gli piaceva passeggiare qui", ha raccontato.

Purtroppo per lei, la legge prevede per lo smaltimento illecito di corpi di animali una multa di 600 euro. Quando un animale domestico muore, è necessario contattare il servizio veterinario dell'Asl di zona oppure farlo fare dal proprio veterinario di fiducia e seguire tutte le procedure del caso. È ammesso, in alcuni casi, di poterlo seppellire in un terreno privato.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mini in corsia d'emergenza esplode dopo essere urtata da un'altra auto: morti padre e figlia

  • Frontale fra due automobili: un uomo è morto, cinque persone ferite

  • Terribile schianto nel sottopasso, ma è la scena della fiction con Raoul Bova

  • Scontro auto-ambulanza: una persona è morta

  • Il Comune di Torino assume: 238 nuovi dipendenti entro la primavera 2020

  • Mancano le autorizzazioni per vendere: chiusa la panetteria del centro commerciale

Torna su
TorinoToday è in caricamento