Addio Yaya, ucciso dal suo altruismo: ha perso la vita per salvare un amico

Morto annegato nel lago

Yaya Coulibaly aveva 32 anni e arrivava dalla Costa d'Avorio

E' stato un gesto di altruismo che gli è costato carissimo, nel tentativo di salvare un suo amico. Yaya Coulibaly, 32enne ivoriano, è morto domenica 3 giugno 2018 nell'incidente del lago Pistono, a Montalto Dora, insieme a George Lartey, ghanese di sei anni più giovane.

La sua storia è molto simile a quella dell'altro ragazzo. Era arrivato in Italia attraversando il mediterraneo con un barcone nel maggio 2017 e poco dopo era giunto in Piemonte. Qui era stato preso in carico dalla cooperativa Mary Poppins di Ivrea e lavorava a Montalto curando l'orto sociale. Faceva volontariato in numerose iniziative e si era messo a studiare per inserirsi al meglio, frequentando un corso di studi paragonabile alla nostra terza media. Di recente aveva iniziato anche a seguire un laboratorio teatrale e uno di percussioni.

Per salvare il suo amico che era caduto nel lago cercando di recuperare un pallone non ha esitato a tuffarsi. Lo specchio d'acqua, però, ha inghiottito irrimediabilmente anche lui. A poco è servito l'estremo tentativo di salvarlo di un turista.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bambini investiti da un’auto: 3 finiscono in ospedale

  • Giovane si toglie la vita sparandosi un colpo di pistola

  • Trasporto pubblico locale, domani tram e bus si fermano per 4 ore

  • Tempo libero, cosa fare a Torino e dintorni sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Dal Torinese, il denaro veniva "ripulito" dopo un giro per il mondo: fratelli imprenditori nei guai

  • Nel garage nascosta la merce del noto supermercato: un denunciato

Torna su
TorinoToday è in caricamento