Operaio colpito da una sbarra mentre fa lavori in un pozzo, è morto

L'incidente è avvenuto a Gravere. Per la vittima, Giuseppe Macrì, fatale il crollo di una paratia. Ferite altre due persone

Un operaio di 60 anni residente a Chiaverano, Giuseppe Macrì, è morto e altri due sono rimasti feriti nel pomeriggio oggi, mercoledì 25 gennaio 2017, mentre eseguivano lavori all'interno di una condotta dell'acquedotto a Gravere.

Secondo una prima ricostruzione dei soccorritori, l'uomo, che lavorava per la ditta Mattioda di Cuorgné, che stava lavorando per conto della Smat, per verificare la tenuta della condotta in pressione, è stato colpito da una sbarra d'acciao a causa del cedimento di una paratia mentre si trovava sul fondo, è caduto nell'acqua e non è più riemerso. Le operazioni di recupero effettuate dai vigili del fuoco sono state lunghe.

Per consentire l'intervento di recupero, sulla statale 24 all'altezza del km 58, è stato necessario chiudere un tratto di strada.

Sull'accaduto indaga lo Spresal dell'Asl To3. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tifosa non passa inosservata, ripresa dalle telecamere allo Stadium: ora ha migliaia di followers

  • Scontro auto-ambulanza all'incrocio: sei persone rimaste ferite

  • Arriva l'inverno: prima neve in città e brusco calo delle temperature

  • Auto si scontra col cinghiale che attraversa la strada, poi si ribalta nel fosso: terrore per due ragazzi

  • Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

  • Viaggia sull'auto modificata: multa di 640 euro, veicolo sospeso dalla circolazione

Torna su
TorinoToday è in caricamento