Un morto per encefalopatia, i medici: "Escludiamo mucca pazza"

Quattro casi l'anno

L'ospedale San Luigi di Orbassano

Un 69enne di Airasca è morto lo scorso martedì 5 settembre all'ospedale San Luigi di Orbassano per encefalopatia spongiforme umana. I neurologi dello stesso presidio sanitario escludono che si tratti della variante bovina (la cosiddetta Bse o 'morbo della mucca pazza'). Il corpo dell'uomo, come da prassi, è stato inviato all'ospedale Amedeo di Savoia per le analisi del caso, per i cui risultati sarà necessario un periodo di circa due mesi. "Attendiamo i risultati con serenità", dice il direttore generale del San Luigi, Franco Ripa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'encefalopatia spongiforme umana (o morbo di Creutzfeld-Jakob) colpisce meno di due persone l'anno ogni milione. Statisticamente, dunque, circa quattro casi si registrano ogni anno anche nel Torinese. E' una sindrome rara ma non rarissima e conduce alla morte in un breve periodo di tempo colpendo i tessuti cerebrali di chi ne è vittima.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uccide la madre a coltellate e poi si toglie la vita gettandosi dal nono piano

  • CAAF Cisl a Torino: sedi, orari, informazioni

  • Perde il controllo dello scooter e si schianta: morto in ospedale

  • CAAF Cgil a Torino: sedi, orari, informazioni

  • Il piccolo Riccardo non ce l'ha fatta: è morto 36 giorni dopo il terribile incidente in casa

  • Investe una donna sulle strisce con lo scooter e cade: centauro morto in ospedale

Torna su
TorinoToday è in caricamento