Malore nel corso di una prova ciclistica: morto l'ex prof di educazione fisica

Era anche donatore di sangue

Un'immagine recente di Donato Ligatti, con la maglia del Pedale Carmagnolese a Parigi

Donato Ligatti, ex professore di educazione fisica in pensione e cicloamatore, è morto sabato 25 agosto 2018 per un malore mentre partecipava all'iniziativa sportiva 'Pedalata con il campione' nel Cuneese, con l'ex ciclista professionista Roberto Conti. Il decesso è avvenuto a Murazzano, non lontano dalla partenza tenutasi a Bossolasco. Aveva 64 anni e abitava a Carmagnola. Inutile ogni tentativo di salvarlo. 

Era il vicepresidente del Pedale Carmagnolese, che in segno di lutto ha deciso di annullare la cicloturistica Memorial Secondo Albini, in programma il prossimo sabato 1° settembre a Carmagnola.

Numerosi i messaggi di condoglianze, soprattutto da parte dei suoi ex allievi, sul suo profilo Facebook. A ricordarlo è anche la Fidas di Carmagnola: aveva fatto 134 donazioni e aveva raggiunto la quarta medaglia d'oro.

"Ho avuto il piacere di conoscerlo - scrive un suo amico della Fidas - Era un uomo buono, onesto ed umile. Se la ricchezza di un popolo si giudica da coloro che ne fanno parte, da ora il nostro gruppo e la nostra città saranno sicuramente più poveri. Ciao Donato".

Potrebbe interessarti

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

  • Bidoni della spazzatura, puliti ed igienizzati: addio cattivi odori

  • La mentuccia, l'erba aromatica buona e salutare

  • Il Barbecue perfetto:  6 regole fondamentali

I più letti della settimana

  • Autocisterna travolge bici, ragazza resta schiacciata sotto le ruote: morta

  • Scendono a cambiare la gomma a terra, passa un'auto e li travolge: due morti e un ferito

  • Tragedia nella serata: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Auto esce di strada e si schianta contro un albero, medico grave in ospedale

  • Addio a Sabino, una roccia sul ring e un papà dolcissimo

  • Caos in coda al concerto di Eros: 700 fan costretti a rimanere fuori

Torna su
TorinoToday è in caricamento