Straniero trovato morto nel centro di permanenza e rimpatrio: i risultati dell’autopsia

Confermato quanto emerso dai primi accertamenti medici

Il centro di permanenza e rimpatrio di corso Brunelleschi“

Le indagini della Squadra Mobile della Questura di Torino, coordinate dalla locale Procura della Repubblica e partite immediatamente dopo il decesso del 32enne bengalese morto all'interno del centro di permanenza e rimpatrio di via Santa Maria Mazzarello, escludono qualsiasi ipotesi delittuosa. Il suo corpo era stato trovato nella mattinata di lunedì 8 luglio 2019 all'interno dell'infermeria del complesso.

I risultati dell’esame autoptico hanno confermato quanto emerso dai primi accertamenti medici sul cadavere del 32enne. La causa del decesso è riconducibile ad un improvviso arresto cardiaco: sul corpo, infatti, sono stati riscontrati i segni tipici di una morte per infarto. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nessun segno di violenza, invece, o di lesioni da difesa; negativi gli accertamenti tossicologici effettuati.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Rapina in farmacia, poi arrivano i parenti del malvivente: 12 volanti per fermarli

  • La corsa al mare dei turisti torinesi finisce col litigio con i vicini, poi sono costretti a tornare a casa

  • Trovato il cadavere Vincenzo (per tutti Franco) in riva al fiume: probabile suicidio

  • Quarantena e fai da te: come tagliarsi (da sole/i) i capelli a casa

  • Il Comune lancia i buoni spesa: una piattaforma web e un call-center per l'accesso

Torna su
TorinoToday è in caricamento