Straniero in attesa di rimpatrio trovato morto nel centro, appiccati incendi per protesta

Ucciso da un malore

Il centro di permanenza e rimpatrio di corso Brunelleschi

Un bengalese di 32 anni è morto all'interno del centro di permanenza e rimpatrio di via Santa Maria Mazzarello. Il suo corpo è stato trovato nella mattinata di oggi, lunedì 8 luglio 2019, all'interno dell'infermeria del complesso.

Il decesso è avvenuto per cause naturali secondo il responso del medico legale intervenuto sul posto. In ogni caso sono aperte le indagini della polizia.

Non si esclude che il gran caldo di questi giorni possa avere avuto un ruolo importante nella morte.

Dopo il ritrovamento del corpo altri migranti hanno appiccato piccoli incendi nel centro, non avendo capito che in realtà si trattava di un decesso per cause naturali. La polizia è intervenuta per calmare gli animi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento