Tragedia al centro d'accoglienza: trovato il corpo di un ragazzo

Caos durante la rimozione della salma

Il luogo della tragedia

Un camerunese di 28 anni è morto per cause naturali nella giornata di ieri, mercoledì 15 novembre 2017, nel centro di accoglienza per richiedenti asilo L'Isola di Ariel di via Aquila 21, dove abitava.

Dopo il ritrovamento del cadavere, in serata, una decina di ospiti della struttura ha cercato di impedirne il trasporto verso il furgone dell'agenzia di pompe funebri. Per questa ragione sono intervenute alcune pattuglie dei carabinieri, che sono riuscite, non senza qualche difficoltà, a contenere le proteste le cui ragioni non sono chiare.

Intanto il medico legale ha escluso segni di violenza sul corpo. Il ragazzo, inoltre, era stato ricoverato in ospedale due volte, nei mesi precedenti, per disfunzioni respiratorie.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il magistrato di turno, in ogni caso, ha disposto l'autopsia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Rapina in farmacia, poi arrivano i parenti del malvivente: 12 volanti per fermarli

  • La corsa al mare dei turisti torinesi finisce col litigio con i vicini, poi sono costretti a tornare a casa

  • Trovato il cadavere Vincenzo (per tutti Franco) in riva al fiume: probabile suicidio

  • Quarantena e fai da te: come tagliarsi (da sole/i) i capelli a casa

  • Il Comune lancia i buoni spesa: una piattaforma web e un call-center per l'accesso

Torna su
TorinoToday è in caricamento