Addio a Enrico Riccardo Morando, il pioniere del pet food in Italia

Aveva compiuto 95 anni il 29 ottobre

Enrico Riccardo Morando

Enrico Riccardo Morando, classe 1922, uomo di carattere e di una forza vitale d’altri tempi è rimasto in azienda fino all’ultimo. Lui è il pioniere del pet food in italia, tra i protagonisti indiscussi di un settore che non arresta la propria crescita.

Enrico Morando, uomo di grande intuizione e di grande saggezza, ha saputo creare ed ha guidato insieme alla famiglia l’azienda che porta il suo nome, Morando S.p.A. Negli anni’50, come amava raccontare, tornando da un viaggio a Marsiglia, incuriosito da un manifesto pubblicitario di pet food, con caparbietà e determinazione ha deciso di iniziare anche in Italia la produzione degli alimenti per cani e gatti, allora sconosciuta, sfidando istituzioni pubbliche e difficoltà burocratiche. In poco tempo le sue capacità imprenditoriali gli hanno consentito di avviare e poi potenziare diversi siti produttivi, aprendo con successo la strada ad un mercato del tutto inesplorato fino a quel momento.

Enrico Morando lascia il testimone ai figli, Giovanni e Walter, già amministratori dell’azienda, e ai nipoti, Franco e Laura, quotidianamente presenti in azienda da dieci anni e che con lui hanno continuato la tradizione di famiglia. Un’azienda dinamica, 100% italiana, tra le più moderne in Europa, dotata delle più avanzate tecnologie.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A funerali avvenuti in forma privata per Sua volontà, la famiglia con affetto e riconoscenza ricorda l’uomo, padre e nonno, e l’imprenditore che ha scritto la storia del pet food in Italia.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Pane, olio e altri beni primari con i prezzi gonfiati del 200%: denunciato titolare

  • Coronavirus, Università di Torino: "La carenza di vitamina D può aumentare i rischi di contagio"

  • Stanotte torna l'ora legale, lancette in avanti: "Un mix critico col Coronavirus"

  • Il virus si è portato via Franco il Baffo: la cittadina in lacrime per lo storico vigile, politico e sportivo

  • Coronavirus Piemonte: 403 deceduti risultati positivi al virus, oggi morti anche due operatori sanitari

Torna su
TorinoToday è in caricamento